Bloomberg: le cuffie Apple AR/VR potrebbero essere ritardate fino al 2023 a causa di problemi di surriscaldamento, fotocamera e software

Di: Elena Shcherban | 15.01.2022, 15:12
Bloomberg: le cuffie Apple AR/VR potrebbero essere ritardate fino al 2023 a causa di problemi di surriscaldamento, fotocamera e software

Lo abbiamo sentito più volte Apple sta lavorando a un visore per realtà mista. Ma sembra che l'azienda abbia riscontrato problemi che potrebbero impedire il rilascio del dispositivo.

Cosa c'è che non va?

Bloomberg, citando persone che hanno familiarità con i piani di Apple, scrive che inizialmente era previsto l'introduzione delle cuffie nel 2021, ma poi hanno deciso di posticipare l'annuncio al WWDC 2022, che si terrà a giugno. Ora, le fonti dicono che questo è improbabile.

Il motivo è che Apple ha riscontrato una serie di problemi relativi al surriscaldamento, alle prestazioni della fotocamera e al software. Si dice che il dispositivo abbia due chip e Bloomberg ritiene che almeno uno di essi sarà alla pari con l'M1 Pro degli ultimi modelli di MacBook Pro. Si crede che lo sia dovuto a il dispositivo ha problemi di surriscaldamento.

I progetti precedenti hanno tentato di mitigare i problemi di temperatura utilizzando un dispositivo di elaborazione esterno in grado di trasmettere i dati in modalità wireless all'auricolare. Ma all'epoca, l'ex chief design officer Jony Ive respinse l'idea.

Infine dovuto a di questi problemi, l'azienda può posticipare l'annuncio fino alla fine 2022 o all'inizio del 2023. Apple avrebbe informato i partner della catena di approvvigionamento che è improbabile che il dispositivo venga rilasciato prima del 2023. Ma allo stesso tempo, LG Innotek dovrebbe iniziare a produrre fotocamere per cuffie già nel secondo trimestre di quest'anno.

Per inciso, iOS 16, nome in codice internamente Sydney, avrà presumibilmente il supporto per cuffie integrato per gettare le basi per il dispositivo. Bloomberg osserva che ciò significa che Apple "potrebbe teoricamente in anteprima gli aspetti tecnici dell'auricolare o del suo software senza dimostrare l'intero dispositivo" al WWDC di quest'anno.

Una fonte: Bloomberg