Il Congresso degli Stati Uniti chiede al Pentagono di accelerare l'esame della fornitura di droni d'attacco di grandi dimensioni all'Ucraina in seguito al successo del contrattacco delle Forze armate

Di: Maksim Panasovskyi | 23.09.2022, 17:48
Il Congresso degli Stati Uniti chiede al Pentagono di accelerare l'esame della fornitura di droni d'attacco di grandi dimensioni all'Ucraina in seguito al successo del contrattacco delle Forze armate

La Reuters riporta che 17 membri del Congresso hanno chiesto al Segretario della Difesa statunitense Lloyd Austin di accelerare l'esame dell'invio di grandi droni d'attacco in Ucraina.

Ecco cosa sappiamo

Diversi mesi fa, l'amministrazione di Joe Biden voleva avviare la consegna di droni d'attacco alle Forze armate ucraine. Tuttavia, il processo si è arenato a causa del timore che la tecnologia statunitense possa cadere in mani nemiche.

La Defense Technology Security Administration del Pentagono, responsabile della conservazione delle tecnologie avanzate, ha chiesto di interrompere la fornitura di droni all'Ucraina. Tuttavia, secondo tre fonti della Reuters, i funzionari hanno approvato il trasferimento di droni MQ-1C Gray Eagle prodotti dalla General Atomics.

Per lo sviluppo di questi droni è stato fatto un investimento di 1 miliardo di dollari, per un costo di circa 100 milioni di dollari. L'investimento comprende quattro droni, una stazione di controllo a terra e un sistema di comunicazione satellitare. L'UAV è basato sul famoso drone MQ-1 Predator. Le armi comprendono missili AGM-114 Hellfire, bombe AIM-92 Stinger e Viper Strike.

La lettera, firmata da repubblicani e democratici, fa riferimento ai guadagni territoriali dell'Ucraina durante una controffensiva riuscita nella regione di Kharkiv. I funzionari statunitensi hanno sottolineato che l'uso di droni più potenti aiuterebbe le forze armate ucraine a mantenere i territori liberati dall'occupazione.

Fonte: Reuters

Immagine: FlightGlobal, Esercito statunitense