I cacciatorpediniere giapponesi JS Haguro e JS Maya hanno abbattuto con successo missili balistici con intercettori di ultima generazione Raytheon SM-3 Block IIA

Di: Maksim Panasovskyi | 24.11.2022, 10:17
I cacciatorpediniere giapponesi JS Haguro e JS Maya hanno abbattuto con successo missili balistici con intercettori di ultima generazione Raytheon SM-3 Block IIA

Gli Stati Uniti e il Giappone hanno tenuto un'esercitazione congiunta Flight Test Mission-07 vicino alle Hawaii per testare gli intercettori missilistici SM-3 Block IIA sviluppati da Raytheon e Mitsubishi Heavy Industries.

Ecco cosa sappiamo

Come la Corea del Sud, anche il Giappone sta testando le capacità di difesa missilistica a causa delle attività missilistiche della Corea del Nord. La scorsa settimana, ad esempio, la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico intercontinentale.

Il Giappone e gli Stati Uniti hanno condotto test per due settimane. I test sono terminati pochi giorni fa, come ha annunciato l'Agenzia statunitense per la difesa missilistica il 21 novembre. I cacciatorpediniere giapponesi JS Haguro e JS Maya hanno partecipato ai test.

Nel primo test, l'intercettore SM-3 Block IIA lanciato dal cacciatorpediniere JS Maya ha colpito con successo un missile balistico a medio raggio. La nave è dotata del sistema di difesa missilistico Aegis.

Il cacciatorpediniere JS Haguro ha partecipato ai test successivi. La nave è stata in grado di colpire un missile balistico e un bersaglio senza equipaggio BQM-177 utilizzando intercettori missilistici SM-3 Block IB e SM-2 Block IIIB.

Attualmente il Giappone dispone di otto navi che trasportano il sistema di difesa missilistico Aegis. In futuro, le forze di difesa giapponesi riceveranno altre due navi con Aegis, anche se inizialmente era prevista la creazione di due sistemi di difesa missilistica terrestre nell'ambito del progetto Aegis Ashore, che è stato cancellato a causa di "difficoltà tecniche".

Fonte: Notizie sulla Difesa