La Cina potrebbe chiudere la città in cui vengono prodotti quasi tutti gli smartphone iPhone 14 Pro e Pro Max a una rigorosa quarantena

Di: Maksim Panasovskyi | 24.11.2022, 14:36
La Cina potrebbe chiudere la città in cui vengono prodotti quasi tutti gli smartphone iPhone 14 Pro e Pro Max a una rigorosa quarantena

La normale produzione degli smartphone iPhone 14 Pro e Pro Max è stata minacciata. Più precisamente, sarà nuovamente interrotta, ma per ora non è nota l'entità del problema.

Ecco cosa sappiamo

Il mese scorso le autorità cinesi hanno messo in quarantena la città di Zhengzhou, sede del più grande impianto di assemblaggio degli ultimi smartphone Apple. L'impianto produce circa l'85% di tutti gli iPhone 14 Pro e Pro Max. La chiusura di ottobre non ha colpito la fabbrica Foxconn, ma la sua produttività è crollata, dopo di che anche Apple ha ammesso che non sarebbe stata in grado di rispettare il Gli analisti hanno rivisto al ribasso le previsioni sulle spedizioni di iPhone per questo trimestre: Apple venderà 8 milioni di smartphone in meno.

Ora un ceppo altamente contagioso di Omicron si sta diffondendo in Cina, causando a Zhengzhou un'altra grave quarantena. A causa di un'altra epidemia di COVID-19, le autorità cinesi chiuderanno la città da venerdì a martedì (25-29 novembre). Lo riporta Business Insider citando il governo locale.

Finora non ci sono informazioni su come la quarantena interesserà lo stabilimento Foxconn. Ma ricordiamo ancora una volta che, anche se la produzione del mese scorso non è stata interrotta, Apple e Foxconn hanno avuto problemi. Pertanto, la nuova chiusura non giocherà sicuramente a favore delle aziende americane e taiwanesi. Inoltre, è possibile che le restrizioni di quarantena vengano inasprite se l'epidemia non viene gestita.

I residenti del Paese non sono contenti delle azioni delle autorità. Questo vale anche per i dipendenti dell'impianto. Essi rimproverano a Foxconn il fatto che l'azienda non paga i bonus per il lavoro in condizioni estreme. È interessante notare che, secondo Bloomberg, Foxconn aveva accettato di pagare 1.400 dollari ai suoi dipendenti, ma il destino di questi pagamenti è ora in discussione a causa della nuova quarantena.

Fonte: Business Insider

Immagine: Apple Insider