James Webb ha scoperto galassie "impossibili" di 13 miliardi di anni: non dovrebbero esistere

Di: Maksim Panasovskyi | 23.02.2023, 20:57
James Webb ha scoperto galassie "impossibili" di 13 miliardi di anni: non dovrebbero esistere

Il telescopio spaziale James Webb continua ad aiutare gli scienziati a esplorare l'universo. Recentemente ha scoperto sei galassie che gli scienziati definiscono "impossibili".

Ecco cosa sappiamo

Gli scienziati ipotizzano che le prime galassie siano apparse poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang. Ma si suppone che siano tutte piccole. Tuttavia, James Webb ha scoperto sei galassie massicce che hanno 13 miliardi di anni contemporaneamente.

Il telescopio spaziale ha trovato galassie con masse pari a centinaia di miliardi di masse solari. Si sono formate 500-800 milioni di anni dopo il Big Bang e alcune hanno un numero di stelle pari a quello della Via Lattea. Di conseguenza, hanno un'età compresa tra 2,5 e 2,8 miliardi di anni.

La scoperta è stata fatta nell'ambito del programma CEERS, che studia l'Universo primordiale. Ivo Labbé e i suoi colleghi ne hanno dato notizia sulla rivista Nature. Inizialmente, gli scienziati hanno pensato di aver commesso un errore perché la massa combinata delle sei galassie superava la massa dell'Universo di allora.

Le galassie scoperte dal telescopio sono di dimensioni compatte. A parità di numero di stelle e di massa (1,5 trilioni di masse solari), le nuove galassie sono 30 volte più compatte della Via Lattea. Tuttavia, la Via Lattea produce in media non più di due nuove stelle all'anno. Se i dati degli scienziati sono corretti, le galassie massicce produrrebbero centinaia di nuove stelle ogni anno. Tuttavia, i calcoli indicano che non avrebbero avuto abbastanza materiale per farlo.

Ora gli scienziati devono verificare i risultati del loro studio. Vogliono ottenere immagini spettrali che possano confermare o smentire la massa gigante delle galassie. Tuttavia, gli scienziati ammettono che i buchi neri supermassicci, che l'umanità non ha mai incontrato prima, potrebbero essere la causa di questi risultati.

Fonte: Nature