Vino e robot: come i francesi usano oggi i robot autonomi nella produzione del vino

Di: sergey-betsura | 18.10.2021, 14:52
Vino e robot: come i francesi usano oggi i robot autonomi nella produzione del vino

La robotica francese si sta sviluppando sorprendentemente bene. Il paese ha molti progetti in questo campo, e non pochi di essi hanno avuto successo. Naturalmente, in un paese che produce alcuni dei migliori vini del mondo, un robot viticoltore non poteva non apparire.

Vitibot ha spinto per un'agricoltura snella e una riduzione dell'uso di prodotti chimici nella viticoltura. È stato per il gusto dei clienti - con soli tre milioni di euro di finanziamento, la startup sta facendo abbastanza bene in termini di performance di business.

Il team offre due versioni dei suoi robot 'a portale': Bakus P75S e Bakus P75L. Si differenziano solo per la dimensione dell'apertura attraverso la quale la macchina fa passare le piante quando si muove per non danneggiarle. Una versione di Bakus è adatta a letti più stretti con viti, l'altra a letti più larghi. I robot sono completamente elettrici e autonomi. Possono essere usati per allentare il terreno tra i filari di vite, disperdere il fertilizzante, uccidere le erbacce e così via. Viene fornito con dieci diversi strumenti che possono essere cambiati a seconda del tipo di lavoro che Bakus deve fare.

Secondo gli sviluppatori, costa meno di un euro per ora di lavoro.

Il robot è già utilizzato in vari vigneti in Francia con bei nomi.

L'azienda è nata nel 2015 come un progetto studentesco del fondatore. Un anno dopo, registrò la società e mise insieme una squadra. Nel 2017, il suo primo robot, Hector, era già stato testato in tutta la Champagne, mostrando risultati così impressionanti che il progetto è stato persino notato dal primo ministro francese. Allo stesso tempo, il team ha iniziato a lavorare sul robot Bakus, che è stato lanciato in una conferenza locale nella primavera del 2018, aiutando il team a raccogliere proprio tre milioni di euro.Gli investitori erano per lo più famose case di Champagne, cioè i clienti diretti della startup, il che dice molto sulla domanda del prodotto. Nel 2020, il team ha continuato i progetti pilota in Borgogna, Bordeaux e Champagne, nonostante la pandemia.

Quindi la prossima volta che vi state abbuffando di una bistecca con un bicchiere di rosso, pensate a quei robot che potrebbero aver coltivato l'uva.

Fonte: Canale Telegram Canale Robotica