Il fondatore di Amazon Jeff Bezos potrebbe essere sul banco degli imputati

Di: Yuriy Stanislavskiy | 19.10.2021, 14:47
Il fondatore di Amazon Jeff Bezos potrebbe essere sul banco degli imputati

I dirigenti di Amazon, compreso il fondatore della megacorporazione Jeff Bezos, potrebbero aver ingannato o mentito al Congresso degli Stati Uniti sulle pratiche commerciali dell'azienda. Questo è ciò che credono i principali legislatori statunitensi. Così poco dopo il suo primo volo spaziale, Bezos potrebbe ritrovarsi sul banco degli imputati.

I membri del Comitato Giudiziario della Camera hanno detto che stanno considerando una "indagine penale" sulla società. Questo segue un'indagine di Reutersche ha sostenuto che Amazon stava copiando prodotti e manomettendo i risultati di ricerca in India per aumentare le vendite dei propri marchi.

Amazon ha categoricamente negato le accuse. "Amazon e i suoi dirigenti non hanno ingannato la commissione e abbiamo smentito - e tentato di correggere - i dati nelle pubblicazioni inesatte dei media in questione", ha detto un portavoce dell'azienda.

Lunedì, cinque membri della commissione giudiziaria della Camera degli Stati Uniti hanno scritto al capo di Amazon, Andy Jassy, che ha sostituito Bezos a luglio. Hanno detto che la "segnalazione credibile" della Reuters e i recenti articoli di altre testate giornalistiche "contraddicono direttamente la testimonianza giurata e la testimonianza dei dirigenti di Amazon, compreso l'ex CEO Jeffrey Bezos".

Dal 2019, la commissione giudiziaria della Camera sta indagando sulla concorrenza sui marketplace digitali, compreso il modo in cui Amazon utilizza i dati dei cosiddetti venditori terzi sulla sua piattaforma e se l'azienda favorisce ingiustamente i propri prodotti. L'anno scorso, testimoniando sotto giuramento davanti a una sottocommissione antitrust della House Judiciary Committee, Bezos ha detto che l'azienda vieta ai dipendenti di usare i dati dei singoli venditori per trarre vantaggio dalle vendite di merce a marchio Amazon.

Fonte: bbcreuters

Illustrazione: reuters