Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto

Di: Alex Chub | 22.10.2021, 00:00
Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto

Il Samsung Galaxy Z Fold3 continua la tradizione dei suoi predecessori. È lo smartphone di punta tecnologicamente più avanzato che non sarà adatto a tutti. Con il suo design pieghevole, lo schermo interno flessibile di grande diametro e lo schermo esterno opzionale, lo smartphone ha una pletora di usi. Ma è più per un pubblico ristretto di geek che per l'utente di massa. In termini di caratteristiche, il nuovo Galaxy Z Fold3 è un miglioramento senza soluzione di continuità rispetto al suo predecessore: schermi migliori e più robusti, supporto S Pen, una piattaforma di punta rinnovata, un corpo rinforzato, una protezione completa dall'acqua e una fotocamera frontale sotto lo schermo non troppo evidente. Il suono stereo di alta qualità e una buona fotocamera principale sono anche presenti. Naturalmente, ci sono anche un paio di problemi con lo smartphone. Se usi lo smartphone troppo attivamente, dovrai caricarlo verso la fine della giornata. La piega sullo schermo non è ancora stata superata. E il prezzo, come dovrebbe essere, è impressionante. Ora la modifica junior con 12GB di RAM e 256GB di memoria interna costa UAH 50.000.

6 motivi per comprare Samsung Galaxy Z Fold3:

  • questo è lo smartphone tecnologicamente più avanzato sul mercato;
  • schermi AMOLED di qualità eccellente con frequenza di aggiornamento di 120 Hz e supporto HDR10 +;
  • un sacco di scenari attraverso il design pieghevole;
  • imbottitura di punta;
  • costruzione rinforzata e protezione dall'acqua IPX8;
  • buona fotocamera principale.

3 motivi per non comprare Samsung Galaxy Z Fold3:

  • Durata media della batteria;
  • la piega è ancora lì;
  • costo elevato.

Fastpass:

  1. Cosa c'è nel pacchetto?
  2. In che modo il Samsung Galaxy Z Fold3 è diverso dal Fold2?
  3. Che aspetto ha il Samsung Galaxy Z Fold3?
  4. Quanto è comodo da usare e quali sono gli scenari di utilizzo?
  5. Quanto sono buoni gli schermi?
  6. Quali sono i modi per sbloccare?
  7. Che dire di prestazioni, memoria, suono e durata della batteria?
  8. Quanto è facile da usare l'interfaccia?
  9. Quanto sono buone le telecamere?
  10. In poche parole

Cosa c'è nella confezione?

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-2

Il Samsung Galaxy Z Fold3 ci è arrivato senza la confezione di marca, ma con il kit. E se vi aspettavate qualche bonus nella scatola con un dispositivo così costoso, ci affrettiamo a deludervi. Oltre allo smartphone, la scatola conterrà un cavo USB Type-C, uno strumento di estrazione del vassoio e la documentazione.

Come differisce il Samsung Galaxy Z Fold3 dal Fold2?

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-3

Per cominciare, spieghiamo brevemente come il nuovo Samsung Galaxy Z Fold3 differisce dal suo predecessore in generale. Il design pieghevole rimane lo stesso, ma il peso e le dimensioni sono stati leggermente ridotti, così come i materiali utilizzati. L'azienda ha reso il nuovo smartphone significativamente più resistente, il che è particolarmente importante dato il design. I pannelli di vetro sono Corning Gorilla Victus e la parte posteriore è opaca. La custodia è fatta di quello che è conosciuto come Armor Aluminium, che è (in teoria) forte e leggero. Ma le due differenze di design più importanti sono il rivestimento del display interno flessibile, che è 80 volte più resistente rispetto all'ultima generazione. Ufficialmente, ovviamente. E ora lo smartphone ha una protezione dall'umidità IPX8, per la quale gli ingegneri Samsung devono essere lodati. Gli schermi non sono cambiati troppo in termini di diagonale e risoluzione. Ma quello esterno ora supporta anche la frequenza adattiva a 120Hz, mentre quello interno ha ricevuto il supporto per la S Pen e una fotocamera frontale sotto lo schermo. La tecnologia non lo rende ancora completamente invisibile, ma non è davvero cospicuo. Altrimenti, è una questione banale: l'attuale processore Snapdragon 888 di punta e una batteria leggermente più piccola: 4400 mAh contro 4500 mAh per il Fold2. Un confronto più dettagliato delle specifiche:

Specifiche
  Samsung Galaxy Z Fold3 Samsung Galaxy Z Fold2
Display principale Pieghevole Dynamic AMOLED 2X, 7.6 pollici, 2208x1768 (22.5:18 aspect ratio), 373 ppi, HDR10+, 120 Hz Pieghevole Dynamic AMOLED 2X, 7.6", 2208x1768 (aspect ratio 22.5:18), 373 ppi, HDR10+, 120 Hz
Display esterno Dynamic AMOLED 2X, 6.2", 24.5:9, 2268x832, 120 Hz Super AMOLED, 6.23", 25:9, 2260x816
Custodia Esposto: 158.2x128.1x6.4mm; chiuso: 158.2x67.1x14.4-16mm, peso: 271g Chiuso: 159.2x128.2x6.9 mm; chiuso: 159.2x68x13.8-16.8 mm, peso: 282 g
Processore 64-bit octa-core 5nm Qualcomm Snapdragon 888: 1x2.84GHz Kryo 680 + 3x2.42GHz Kryo 680 + 4x1.80GHz Kryo 680, grafica Adreno 660 64-bit octa-core 7nm+ Qualcomm Snapdragon 865: 1x3.09GHz Kryo 585 + 3x2.42GHz Kryo 585 + 4x1.80GHz Kryo 585, grafica Adreno 650
RAM 12GB 12GB
Memoria flash 256/512GB UFS 3.1 256GB UFS 3.1
Fotocamera

Fotocamera principale: 12 MP, f/1.8, 26 EFR, 1/1.76", 1.8µm, Dual Pixel PDAF, OIS; ultra-wide angle: 12 MP, f/2.2, 123°; teleobiettivo: 12 MP, f/2.4, 52mm EFR, 1/3.6", 1.0µm, PDAF, OIS, zoom ottico 2x; anteriore (interno): sotto schermo, 4 MP, f/.1.8, 2.0µm; anteriore (esterno): 10 MP f/2.2 con autofocus

Fotocamera principale: 12 MP, f/1.8, 26 EFR, 1/1.76", 1.8µm, Dual Pixel PDAF, OIS; ultra-wide-angle: 12 MP, f/2.2, 123°; teleobiettivo: 12 MP, f/2.4, 52mm EFR, 1/3.6", 1.0µm, PDAF, OIS, zoom ottico 2x; anteriore (interno): 10 MP f/2.2 con autofocus; anteriore (esterno): 10 MP f/2.2 con autofocus
Tecnologie wireless Wi-Fi 802.11 b/g/n/ac/ax/6e (dual band, 2.4 e 5 GHz), Bluetooth 5.2 LE, NFC, ANT+, UWB Wi-Fi 802.11 b/g/n/ax (dual band, 2.4 e 5 GHz), Bluetooth 5.0 LE, NFC, ANT+, UWB
GPS GPS, A-GPS, GLONASS, BDS, GALILEO GPS, A-GPS, GLONASS, BDS, GALILEO
Batteria 4400 mAh, non rimovibile, ricarica rapida 25W, ricarica wireless 11W, ricarica wireless inversa 4500 mAh, non rimovibile, ricarica veloce 25W, ricarica wireless 11 W, ricarica wireless inversa
Sistema operativo Android 11 + One UI 3.1 Android 10 + One UI 2.5
Sim card 2xNanoSIM 2xNanoSIM
Opzionale protezione dall'acqua IPX8, scanner di impronte digitali nel pulsante di accensione, supporto S Pen scanner di impronte digitali nel pulsante di accensione

Che aspetto ha Samsung Galaxy Z Fold3?

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-4

Visivamente, Samsung Galaxy Z Fold3 sembra simile al suo predecessore, con modifiche che portano lo smartphone in linea con le attuali ammiraglie della società. Ha un design più sottile e un vetro opaco sul retro. Quando è chiuso, il risultato è abbastanza compatto nelle sue dimensioni lineari (soprattutto la larghezza), un "panino" spesso e avvolgente. In questa forma, lo smartphone è molto comodo da usare con una mano sola in movimento.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-5

Il display esterno ha una cornice sottile su tre lati e uno spazio leggermente più ampio sul lato della cerniera. La fotocamera frontale si trova in un piccolo foro al centro della parte superiore dello schermo. Sopra lo schermo c'è uno slot per l'altoparlante appena percettibile. Il vetro protettivo ha piccoli bordi arrotondati. Quando lo schermo è inattivo, o con la carta da parati nera intorno al perimetro, l'impressione visiva è che lo schermo sia trasferito senza problemi al corpo dello smartphone. Ha un aspetto molto gradevole dal punto di vista estetico.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-6

 Quando è aperto, un tablet da 7,6 pollici con un insolito rapporto di aspetto 22,5:18 sembra quasi quadrato. C'è una lunetta intorno al perimetro, ma è abbastanza sottile e non affatica tanto quanto gli elementi di design della cerniera. Allo stesso tempo, protegge lo schermo dai danni. Tuttavia, si può anche graffiare, nonostante il rivestimento più duro. La fotocamera frontale del sotto-schermo si trova al centro della "metà" in alto a destra dello schermo. Si nota leggermente la maggior parte delle volte. Ma non è vistoso.

La piega è ancora presente. Si può sentire al tatto ed è visibile ad alcune angolazioni. Anche se dopo una settimana di utilizzo ci si abitua a questa caratteristica.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-11

C'è ancora uno spazio minimo tra le metà quando sono chiuse. Il telaio è in metallo, verniciato con vernice opaca. Almeno nella nostra versione nera. Sul bordo inferiore c'è una porta Type-C per la ricarica, uno degli altoparlanti esterni e uno dei microfoni.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-12

Sul bordo opposto c'è un secondo altoparlante esterno e altri tre microfoni. Questi sono ottimi per registrare video e per inviare annunci vocali durante le chiamate in vivavoce.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-13

I pulsanti di controllo del volume sono al solito posto. Sotto di loro c'è il pulsante di accensione con uno scanner di impronte digitali incorporato. Una soluzione più logica che installare uno scanner sotto ogni schermo.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-14

Il vassoio supporta l'installazione di due schede SIM, non c'è spazio per una scheda di memoria. A proposito, lo smartphone che abbiamo recensito non supporta la eSIM. Ma in alcune regioni lo smartphone lo supporta.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-15

L'unico elemento lucido del corpo dello smartphone è la cover che copre la cerniera con il logo Samsung.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-16

Come menzionato sopra, la parte posteriore è fatta di vetro smerigliato. La tripla fotocamera principale si trova nell'angolo in alto a sinistra, l'unità sporge leggermente sopra il case. Ma nel complesso, sembra pulito.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-17

Anche se non ci sono cambiamenti drastici nell'aspetto e nel design, ancora, soggettivamente, il Samsung Galaxy Z Fold3 sembra più elegante e interessante rispetto al Galaxy Fold2. E ancora di più il primo Fold. Ma il miglioramento più significativo è, naturalmente, la protezione dall'acqua IPX8, che è tecnicamente molto difficile da implementare in uno smartphone pieghevole.

Quanto è comodo da usare e quali sono gli scenari di utilizzo?
Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-18

Il Samsung Galaxy Z Fold3 nella sua versione chiusa è molto comodo da usare in movimento grazie alla ridotta larghezza del corpo e allo schermo esterno. Si può facilmente rispondere ai messaggi e alle chiamate con una mano in movimento, e per i feed di notizie o i social network lo schermo esterno è sufficiente. Inoltre, le chiamate devono essere fatte solo quando sono chiuse: non c'è un altoparlante per la conversazione all'interno. Questo ha senso: tenere uno smartphone piuttosto largo vicino all'orecchio è scomodo. Nello stato aperto, si può solo usare il vivavoce, o collegare un auricolare. È anche più comodo usare le telecamere, sia principali che frontali, quando sono chiuse. Soprattutto perché è molto meglio di quello interno in termini di qualità.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-19

Lo schermo interno, grazie alle sue grandi dimensioni, è ottimo per la navigazione web, la posta elettronica, i documenti e la modalità multi-finestra. Allo stesso tempo, grazie all'ottimizzazione di alcune app, i contenuti possono essere semplicemente trasferiti tra le finestre con un semplice drag-and-drop. Ma quando lo smartphone è aperto, diventa grande ed è difficile da usare con una mano, e non è sicuro. Soprattutto in movimento. D'altra parte è difficile pensare a scenari in cui sarebbe necessario.

La tastiera di Samsung è ottimizzata e divisa in due metà in questa modalità, solo per i pollici quando la presa con due mani. È davvero comodo e permette una digitazione veloce. Ma vale la pena ricordare che con le tastiere di terze parti, un tale trucco non funziona.

Ora qualche parola sugli scenari di intrattenimento per il Samsung Galaxy Z Fold3. Giocare sullo schermo interno è anche abbastanza comodo. Prima di tutto riguarda i giochi che sono adeguatamente estesi a tutto lo schermo nonostante il rapporto d'aspetto molto non standard. Con i film la situazione è ovviamente un po' peggiore: il profitto della grande diagonale scompare a causa dei formati standard di 16:9 e 21:9 per i programmi TV e i film. Le barre nere rimangono. D'altra parte, in forma semi-piegata, la metà superiore dello schermo riproduce video, mentre la metà inferiore contiene i controlli e video simili. Il che è anche abbastanza comodo. Leggere i libri sul grande schermo è molto piacevole: molte più informazioni si adattano allo schermo con una dimensione dei caratteri confortevole.

Un altro scenario abbastanza praticabile di utilizzo dello smartphone in modalità semi-aperta è quello delle fotocamere. Quando si usa la fotocamera principale si ottiene qualcosa come un supporto. E quando si fanno videochiamate sul davanti, non c'è bisogno di tenere lo smartphone in mano.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-36

Quanto sono buoni gli schermi?

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-37

Il Samsung Galaxy Z Fold3 ha due schermi. Quello interno è Foldable Dynamic AMOLED 2X, 7,6 pollici di diagonale, risoluzione - 2208x1768 (aspect ratio 22.5:18), densità di pixel - 373 ppi. Promettono una luminosità di picco di 1200 cd/m2, c'è il supporto HDR10+ e un refresh rate massimo di 120Hz. Si adatta, 120Hz non può essere fissato. Lo schermo è promesso per essere più luminoso e più efficiente dal punto di vista energetico rispetto all'ultima generazione. Lo schermo esterno è Dynamic AMOLED 2X, 6.2 pollici, aspect ratio - 24.5:9, risoluzione - 2268x832, densità di pixel - 389 ppi. Tutte le caratteristiche sono simili, compreso il supporto HDR10+ e la frequenza adattiva a 120Hz. Visivamente, entrambi gli schermi sono molto piacevoli con ottimi colori saturi e un ottimo margine di luminosità: nessun problema al sole. Ed esteticamente piacevole, non c'è alcuna differenza visiva nell'immagine quando si passa da uno schermo all'altro.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-38

L'insieme delle impostazioni dello schermo non è particolarmente cambiato. Ci sono impostazioni per i caratteri e il ridimensionamento degli elementi dell'interfaccia sullo schermo (per quello interno, è possibile attivare il più logico Multiview con divisione delle informazioni in due colonne), tema scuro dell'interfaccia, impostazione della frequenza, comfort degli occhi (regolazione automatica della temperatura del colore), Always On Display e due modalità di resa dei colori: "saturo" e "naturale". Di serie sugli ultimi smartphone Samsung.

C'è una funzione Always on Display con un'abbondanza di opzioni e una serie di immagini e quadranti.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-69

Come hanno mostrato le misurazioni, gli schermi sono davvero buoni e davvero molto vicini sia in termini di margine di luminosità (quello esterno è inferiore di pochissimo) che di accuratezza dei colori. Il display interno in modalità "saturo" ha mostrato una luminosità massima di 479,32 cd/m2, la gamma di colori, come AMOLED dovrebbe essere, è molto più ampia di sRGB. La resa dei colori è molto sensibile, l'inflessione verso le tonalità fredde è minima.

In modalità "naturale", la gamma di colori è vicina a sRGB e la riproduzione dei colori è più vicina al benchmark. Ma la luminosità massima è notevolmente inferiore: 427.913 cd/m2.

In modalità "saturo", la luminosità massima del display esterno è 465.586 cd/m2. Tsil veathering è simile alla stessa modalità dello schermo interno.

modalità "Naturale". Luminosità - 414.56 cd/m2.

Confronto con altri modelli:

Nome del dispositivo Luminosità del campo bianco,
cd/m2
Luminosità del campo nero,
cd/m2
Contrasto
Samsung Galaxy Z Fold3 479.32 0
Xiaomi 11T Pro 493.872 0
ASUS ROG Phone 5 482.347 0
Samsung Galaxy S21+ 437.906 0
Samsung Galaxy S21 432.854 0
Samsung Galaxy S20 Ultra 408.388 0
Sony Xperia 1 394.97 0
Huawei P30 Pro 447.247 0
Samsung Galaxy S10 378.72 0

Quali sono alcuni modi per sbloccare?

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-110

Come il Galaxy Fold2, il nuovo Samsung Galaxy Z Fold3 ha uno scanner di impronte digitali nel pulsante di accensione sul bordo laterale. È convenientemente posizionato per l'uso sia con la mano destra che con la sinistra quando è chiuso. Quando è aperto, naturalmente, è un po' scomodo da raggiungere con la mano sinistra. Funziona in modo molto rapido e preciso, anche se sarebbe sorprendente se non fosse così. Può anche essere usato per abbassare e alzare l'otturatore. Il rilevamento dei volti è implementato dalla fotocamera frontale, quindi nessuna caratteristica speciale in funzione: in una luce sufficiente funziona rapidamente.

Che dire di prestazioni, memoria, suono e durata della batteria?

A differenza della gamma Galaxy S, che è disponibile in varianti Exynos e Snapdragon per diversi paesi, il flessibile Galaxy Z utilizza sempre una sola piattaforma. È sempre l'ammiraglia Snapdragon. Di conseguenza, il Samsung Galaxy Z Fold3 dispone del processore octa-core 5nm Qualcomm Snapdragon 888, che include un core Kryo 680 con clock fino a 2.84GHz, 3xKryo 680 a 2.42GHz e 4xKryo 680 a 1.8GHz. L'acceleratore Adreno 660 è responsabile della grafica. La RAM in tutte le varianti è di 12GB. L'integrazione è di 256GB o 512GB di standard UFS 3.1. Tutto è a posto con le prestazioni, i risultati nei test sintetici sono appropriati.

Il processore Snapdragon 888 ha alcuni problemi di surriscaldamento. Nel Samsung Galaxy Z Fold3 si comporta sorprendentemente in modo relativamente adeguato. È stato solo verso la fine dei 15 minuti di test che ci sono stati cali temporanei di quasi il 70%. La custodia si riscalda vicino alla fotocamera, ma il riscaldamento è minimo.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-167

Il Samsung Galaxy Z Fold3 è preinstallato con la tradizionale utility proprietaria Game Center con un hub di giochi installati e add-on Game Booster. Ci sono le solite impostazioni per tali utility per aumentare le prestazioni, disattivare le notifiche, bloccare la luminosità, ecc. Così come le cose da scaricare. Il più utile è probabilmente Z Pref. È responsabile del monitoraggio del carico della GPU, della temperatura e degli FPS in tempo reale. Per quanto riguarda i giochi stessi, Call of Duty Mobile al massimo delle impostazioni grafiche mostra quasi sempre 60 fps, NFS No Limits mostra 60 fps, e Shadowgun Legends gira per lo più a circa 100 fps con leggere variazioni.

Le interfacce wireless includono dual-band 802.11 a/b/g/n/ac/6e 2.4GHz e 5GHz Wi-Fi, Bluetooth 5.2 LE (codec aptX HD e LDAC supportati), ANT+ e NFC per pagamenti senza contatto. I sistemi di posizionamento globale GPS, GLONASS, GALILEO, BDS sono supportati. Lo smartphone è dotato di altoparlanti stereo piuttosto potenti, tutto suona abbastanza impressionante, sia in volume che in qualità. Non ci si deve aspettare molti bassi, ma per essere uno smartphone Samsung Galaxy Z Fold3, suona abbastanza bene. Non c'è un jack per le cuffie, ma il supporto per aptX HD e LDAC è bello. Il lettore musicale nativo è abbastanza standard come funzionalità. Playlist, equalizzatore, modalità Dolby Atmos. L'unica caratteristica insolita è Adapt Sound per la sintonizzazione del suono in base all'età.

Lo smartphone utilizza una batteria da 4400 mAh. Per essere precisi, ce ne sono due: a 2280 mAh e 2120 mAh. Samsung sta prendendo tempo con la ricarica veloce: lo smartphone supporta 25W via cavo e 11W senza fili. Non avevamo un caricatore nativo, quindi non c'era modo di misurare i tempi di ricarica. Per quanto riguarda la durata della batteria, è nella norma, ma non di più. Ma tutto dipende molto dagli scenari di utilizzo. Se si utilizza lo schermo esterno per la maggior parte del tempo e si passa a quello interno per giocare per mezz'ora la sera e navigare nel browser, lo smartphone durerà per un giorno. Se lo schermo interno è usato regolarmente, lo smartphone difficilmente dura fino a sera. Uno dei bonus è la ricarica wireless inversa da 4,5W, che può essere utilizzata per caricare le cuffie o un orologio intelligente.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-206

E l'interfaccia?

Il Samsung Galaxy Z Fold3 esegue la versione 11 di Android con la shell One UI 3.1.1. Fondamentalmente, tutto è familiare dai passati smartphone Samsung. Con alcune aggiunte che sono necessarie dato lo schermo interno quasi da tablet e la presenza di un secondo schermo esterno. Ci sono opzioni con desktop e menu separati per le app, navigazione con gesti e pulsanti, regolazioni della griglia, diversi temi di design e così via. Tra le caratteristiche, vale la pena notare che lo schermo interno visualizza tutte le app native in una versione 'tablet' in due colonne, che è abbastanza pratico. È possibile impostare i desktop separatamente per ogni schermo, o duplicarli. C'è un'opzione per continuare a lavorare con un'applicazione aperta quando si passa da una schermata all'altra. Ma non funziona con tutte le applicazioni di terze parti. C'è una voce separata Labs nelle impostazioni con funzioni "sperimentali". Come il windowing forzato per le applicazioni che non lo supportano, la regolazione delle proporzioni e così via.

Una caratteristica tipica della shell è un Application Manager più funzionale, che permette di aprire le applicazioni in una finestra di dimensioni ridotte, renderle semitrasparenti o farle collassare fino alla loro dimensione iconica. E la modalità split-screen, che permette di salvare combinazioni preimpostate per un lancio rapido in seguito.

Le barre laterali di Edge non hanno subito alcun cambiamento. Come prima c'è una serie di utili widget, così come un pannello con le applicazioni lanciate di frequente dove è possibile scattare in coppie pronte per la modalità split screen.

Le app preinstallate includono un registratore vocale, un file manager, un ottimizzatore di smartphone, note, Smart Things (gestione della casa intelligente), Galaxy Wearable (gestione di orologi e cuffie), S Health, AR Zone (creazione di emoji e dimensionamento di oggetti virtuali) e lo strumento di disegno PENUP per la S Pen.

Quanto sono buone le telecamere?

Il set di fotocamere sul retro è rimasto invariato in termini di caratteristiche rispetto al suo predecessore. Ce ne sono tre. La fotocamera principale da 12 megapixel, dimensione del sensore 1/1.76", dimensione dei pixel 1.8µm, apertura f/1.8, 26 EFR, ha stabilizzazione ottica e autofocus di fase Dual Pixel PDAF. La fotocamera ultra-grandangolare ha una risoluzione simile di 12MP, apertura f/2.2, angolo di visione di 123°, nessun autofocus. Il terzo modulo teleobiettivo - tutto uguale 12 MP, f/2.4, 52 mm EFR, 1/3.6", 1.0µm, c'è stabilizzazione ottica e autofocus di fase. Fornisce uno zoom ottico 2x. La fotocamera frontale esterna è 10MP, risoluzione f/2.2 e ha l'autofocus. Il sotto schermo interno è di 4 MP, f/.1.8, 2.0µm.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: lo smartphone per chi ha tutto-287

L'app della fotocamera ha un aspetto familiare: le modalità vengono commutate tramite scorrimento orizzontale, quelle aggiuntive sono nascoste nella voce "More", possono essere tirate nella lista principale, e l'ordine delle modalità può essere personalizzato a proprio piacimento. Tutte le impostazioni di base tra cui flash, filtri, rapporto d'aspetto e zoom sono sulla schermata principale. Lo zoom può essere regolato all'infinito o con impostazioni fisse. È presente anche la modalità multi-camera con riprese simultanee con diverse fotocamere in diverse modalità.

La fotocamera principale del Samsung Galaxy Z Fold3 fa bene il suo lavoro in quasi tutte le condizioni. In buona luce, le immagini vengono fuori con un eccellente dettaglio, un corretto bilanciamento del bianco, un'ampia gamma dinamica e una riproduzione naturale dei colori. Anche la modalità notturna si comporta molto bene. Il dettaglio cala di poco, anche se le tracce degli algoritmi di elaborazione sono leggermente visibili. Gli originali possono essere visti su qui.

La fotocamera ultra-wide angle è il punto debole della maggior parte degli smartphone moderni. Tranne che per i più avanzati cellulari con fotocamere ultra-grandangolari avanzate con autofocus e ottiche più luminose. In questo caso, la situazione è simile: le foto di giorno sono buone in generale, ma la sera perdono significativamente i dettagli, diventano abbastanza saponose e scure:

Telephoto camera sta facendo un buon lavoro, anche di notte. Sì, il dettaglio cala e bisogna metterci un po' di impegno, ma si può scattare una foto chiara:

Ora parliamo delle fotocamere anteriori. I selfie si scattano meglio con quello esterno. Quella interna sotto lo schermo non scatta le migliori foto, anche se sarà sufficiente per le videochiamate. La prima foto sull'esterno, la seconda sul sotto-schermo interno:

I video in risoluzione 4K a 60 fps sono di ottima qualità, con dettagli decenti. Sembra anche avere una stabilizzazione elettronica durante le riprese in 4K: nessun scatto o movimento a scatti.

In modalità di stabilizzazione l'immagine è davvero liscia, senza scatti o scatti, ma il dettaglio cala notevolmente:

Bottom line: quattro cose da sapere sul Samsung Galaxy Z Fold3.

  • Il Samsung Galaxy Z Fold3 è lo smartphone pieghevole più robusto sul mercato e ha una protezione dall'acqua IPX3.
  • Ha un grande schermo flessibile AMOLED interno e uno esterno opzionale. Entrambi sono di qualità eccellente.
  • All'interno c'è un processore di punta Snapdragon 888, 12GB di RAM e 256/512GB di memoria interna.

Per chi vuole saperne di più:
  • La recensione più dettagliata del Samsung Galaxy Z Fold 2: lontano parente del Nokia Communicator
  • OPPO Find X3 Pro recensione: microscopio in tasca
  • La recensione più dettagliata del Samsung Galaxy Note 20 Ultra
  • iPhone 12 Pro recensione: Una dozzina costosa
  • Realme 7 Pro recensione: display AMOLED, Snapdragon, NFC e ricarica fulminea
  • Samsung Galaxy S20 FE recensione: ammiraglia del fan club
  • Samsung Galaxy Note20 recensione: avevamo tre fotocamere, stilo e custodia in plastica con noi
  • vivo X50 Pro recensione: primo smartphone con fotocamera 'sospesa'