Il modello del computer mostra perché gli squali attaccano i surfisti

Di: Yuriy Stanislavskiy | 29.10.2021, 19:29
Il modello del computer mostra perché gli squali attaccano i surfisti

Decine di persone vengono attaccate dagli squali ogni anno. Anche se il numero di attacchi diminuisce di anno in anno, per le città turistiche anche un solo incidente è un dramma pesante: spaventa i turisti. Ora gli scienziati dicono di aver usato la modellazione del computer per confermare la vecchia teoria che gli squali attaccano i surfisti perché li scambiano per foche.

Una grande percentuale di attacchi è quella dei grandi squali bianchi, che attaccano i surfisti quando sono seduti sulle loro tavole o stanno remando. Vista dal basso, la silhouette dei surfisti assomiglia a quella dei pinnipedi (foche e leoni marini) - e questi animali sono prede naturali del grande squalo bianco.

Guidati dalla ricercatrice Laura Ryan, gli scienziati della Macquarie University australiana hanno recentemente deciso di esplorare ulteriormente questa teoria. Hanno usato un gran numero di telecamere per catturare video subacquei di oggetti come tavole da surf, persone su tavole da surf, mani che schiaffeggiano la superficie dell'acqua e altre situazioni.

I filmati sono stati poi analizzati utilizzando modelli informatici basati su dati di neuroscienze esistenti sugli squali, simulando la percezione dei giovani squali bianchi delle forme e dei movimenti di vari oggetti. L'analisi ha confermato che i giovani squali bianchi tendono a confondere le persone su tavole da surf con i pinnipedi, poiché probabilmente li percepiscono come molto simili - questo è particolarmente vero per le persone su tavole corte.

Cambiare il colore delle tavole è improbabile che aiuti, poiché si pensa che gli squali siano daltonici. Tuttavia, gli scienziati stanno considerando altre misure preventive, come l'aggiunta di LED ad alta intensità sul lato inferiore delle tavole per "rompere" la loro silhouette.

Fonte: newatlas