La tecnologia 5D permette di immagazzinare 500TB su un disco delle dimensioni di un CD

Di: Yuriy Stanislavskiy | 01.11.2021, 17:53
La tecnologia 5D permette di immagazzinare 500TB su un disco delle dimensioni di un CD

Utilizzando i laser più recenti, gli scienziati dell'Università di Southampton hanno fatto un passo avanti nella memorizzazione dei dati, consentendo un'incredibile densità e durata della registrazione e dell'archiviazione.

La nuova tecnologia può immagazzinare 500 terabyte su un singolo supporto delle dimensioni di un CD-ROM. I creatori prevedono che la loro invenzione sarà utilizzata per memorizzare tutto, dalle informazioni di musei e biblioteche ai dati biologici personali.

La tecnologia è chiamata archiviazione ottica a cinque dimensioni (5D). Il team dell'Università di Southampton ci sta lavorando da tempo. Le prime versioni sono state dimostrate nel 2013, e in quella fase iniziale i ricercatori hanno usato con successo il formato per registrare e recuperare un file di testo di 300kb, anche se avevano ambizioni molto più grandi.

I dati vengono registrati utilizzando un laser a femtosecondi, che emette impulsi di luce incredibilmente brevi ma potenti, formando strutture minuscole (su scala nanometrica) nel vetro. Queste strutture contengono informazioni sull'intensità e la polarizzazione del raggio laser, oltre alle loro tre dimensioni spaziali. Ecco perché gli scienziati chiamano la loro tecnologia "5D data storage".

Nel 2015, il team ha dimostrato il suo successo nell'utilizzare la tecnologia per memorizzare copie digitali di documenti popolari, rivelando altre qualità del sistema. A differenza della memoria convenzionale del disco rigido, che è vulnerabile alle alte temperature, all'umidità, ai campi magnetici e ai danni meccanici, questa memorizzazione dei dati 5D "per sempre" promette un'incredibile stabilità termica e una vita virtualmente illimitata a temperatura ambiente.

All'epoca, gli scienziati dovevano ancora lavorare sulla capacità di scrivere dati a velocità e densità abbastanza elevate per le applicazioni del mondo reale. Ora i ricercatori dicono di aver fatto progressi attraverso l'applicazione di un fenomeno ottico chiamato amplificazione del campo vicino.

Questo permette loro di creare nanostrutture usando alcuni deboli impulsi di luce invece di scrivere direttamente con un laser a femtosecondi. Questo permette di scrivere dati a una velocità di 1.000.000 voxel al secondo, l'equivalente di 230kb di dati o più di 100 pagine di testo al secondo.

Fonte: newatlas

Illustrazione: Università di Southampton