Hacker ucraino arrestato negli Stati Uniti che ha rubato i progetti del MacBook Pro

Di: Yuriy Stanislavskiy | 09.11.2021, 10:55
Hacker ucraino arrestato negli Stati Uniti che ha rubato i progetti del MacBook Pro

I funzionari del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti hanno arrestato un hacker ucraino in Polonia che era coinvolto nel furto di progetti per un computer portatile MacBook Pro con un processore M1 Max e nell'estorsione di 50 milioni di dollari da Apple.

Yaroslav Vasinsky è stato arrestato all'inizio di quest'anno insieme a un hacker del gruppo REvil. Si sono introdotti nella rete di Apple e hanno rubato i progetti del nuovo MacBook Pro. Wasinski è stato arrestato in Polonia. Attualmente è in attesa di estradizione negli Stati Uniti, dove rischia fino a 115 anni di prigione.

In aprile, REvil ha violato la rete di Quanta, uno dei partner chiave di Apple. Lì, gli hacker hanno scoperto le cianografie del MacBook Pro con i chip M1 Pro e M1 Max, che Apple ha presentato in autunno. Grazie all'hack, i media hanno appreso alcuni dettagli sui portatili molto prima del rilascio, come ad esempio che Apple avrebbe aumentato le dimensioni dello schermo.

REvil ha poi chiesto 50 milioni di dollari ad Apple per i restanti progetti dei prodotti ancora da annunciare. Pochi giorni dopo hanno rimosso tutti i documenti e le dichiarazioni relative ad Apple dal loro sito web.

L'FBI ha anche messo un secondo membro della banda informatica REvil, il russo Evgeny Polyanin, sulla lista dei ricercati. È accusato di aver ottenuto illegalmente 13 milioni di dollari attraverso più di 3.000 attacchi di hacking alle reti informatiche delle aziende statunitensi. Rischia fino a 145 anni di prigione negli Stati Uniti.

Fonte: macrumors