Bitcon crolla quasi il 10 per cento a causa di una società cinese

Di: Maksim Panasovskyi | 11.11.2021, 10:07
Bitcon crolla quasi il 10 per cento a causa di una società cinese

Nel pomeriggio del 10 novembre 2021, Bitcoin ha raggiunto un massimo isterico per la seconda volta in meno di due giorni. Il valore del bene è balzato di 3.000 dollari a 69.006,90 dollari. Ma l'ascesa è stata seguita da una caduta.

La notte dello stesso giorno, il tasso di BTC è crollato di quasi il 10%. La moneta digitale era scambiata a 62.800 dollari, ma al momento della scrittura il prezzo ha corretto ed è già poco più di 65.000 dollari.

La ragione del forte calo delle quotazioni si chiama l'emergere dei presupposti per il default di China Evergande Group. Lo sviluppatore con sede a Celestial Empire non sta pagando gli interessi sulle sue obbligazioni. Più di 170.000 scambi sono stati costretti a chiudere sugli scambi di criptovalute a causa del calo, e le perdite delle coppie di BTC ammontano a più di 193 milioni di dollari.

Fonte: CoinMarketCap