L'amministrazione del presidente Biden vieta a Intel di aumentare la produzione di chip in Cina

Di: Yuriy Stanislavskiy | 15.11.2021, 15:23
L'amministrazione del presidente Biden vieta a Intel di aumentare la produzione di chip in Cina

Bloomberg ha riferito che il governo degli Stati Uniti ha convinto Intel a non costruire nuovi impianti in Cina o aumentare la produzione di chip nel Regno di Mezzo. Era il modo del gigante dei processori di affrontare una carenza globale di chip, ma l'amministrazione del presidente Biden è preoccupata per la sicurezza nazionale del paese.

Intel ha proposto di iniziare la produzione di wafer di semiconduttori utilizzati nella produzione di processori, che doveva essere effettuata in una fabbrica esistente così come in un nuovo impianto a Chengdu, in Cina. In questo modo, Intel ha cercato di alleviare la carenza globale di componenti per semiconduttori. Allo stesso tempo, l'azienda ha cercato sostegno per espandere la produzione e lo sviluppo negli stessi Stati Uniti.

Intel ha inviato questi piani alla Casa Bianca diverse settimane fa. Ora è emerso che l'amministrazione del presidente americano Joe Biden si oppone con veemenza a tale azione per motivi di sicurezza nazionale. Bloomberg aggiunge che l'attuale amministrazione presidenziale statunitense sta cercando di spostare la produzione di componenti chiave da altri paesi agli Stati Uniti, il che è pienamente applicabile alla Cina. Così l'iniziativa di Intel non è stata approvata, il che porterà certamente ad una maggiore scarsità di chip per semiconduttori.

Fonte: bloomberg