Spotify rimuove le migliori voci di stand-up dal catalogo in mezzo alla controversia sul copyright

Di: Yuriy Stanislavskiy | 06.12.2021, 16:55
Spotify rimuove le migliori voci di stand-up dal catalogo in mezzo alla controversia sul copyright

Secondo il Wall Street Journal, Spotify ha rimosso centinaia di nastri comici dopo che gli Spoken Giants e una società di gestione dei diritti hanno bloccato un accordo sui diritti d'autore. I dischi scomparsi appartengono a star come Kevin Hart, Tiffany Haddish e John Mulaney.

Come nelle precedenti controversie con i cantautori, questa nuova battaglia riguarda il risarcimento per qualcosa di più della semplice esibizione. Spoken Giants vuole che i suoi artisti ricevano royalties non solo per il tempo passato al microfono, ma anche come autori di battute. La società per i diritti ha iniziato le trattative con i servizi online in primavera, ma poco prima del Ringraziamento americano è stato rivelato che Spotify avrebbe ritirato il lavoro dei comici fino a quando non fosse stato raggiunto un accordo.

Spotify ha anche affermato che paga una quantità "significativa" di denaro per materiale comico e che "continuerà volentieri" a pagare, e che anche distributori ed etichette hanno voce in capitolo sui pagamenti. Al momento, parte del materiale comico rimane su Spotify, ma molto altro è disponibile tramite servizi concorrenti come Apple Music.

Se Spotify iniziasse a pagare le royalty, il servizio dovrebbe pagare di più in generale o ridurre parte della sua quota esistente di distributori ed etichette. Entrambi possono avere un impatto negativo sui profitti di Spotify e la società non ha comunque molto spazio per muoversi, con entrate medie per ascoltatore nell'ultimo trimestre di circa $ 4,91.

Allo stesso tempo, la disputa sui diritti d'autore e la cancellazione degli atti avviene in un momento particolarmente delicato. Poiché lo stand-up dal vivo è ancora lontano dalla scala che aveva prima della pandemia, alcuni comici dipendono abbastanza dalle uscite digitali. Stanno chiaramente cercando di aumentare le entrate e potrebbero incorrere in problemi finanziari piuttosto gravi poiché perdono il supporto di Spotify.

Una fonte: gizmodo