Gli smartphone Xiaomi hanno meccanismi di censura e spionaggio integrati

Di: Maksim Panasovskyi | 10.01.2022, 09:34
Gli smartphone Xiaomi hanno meccanismi di censura e spionaggio integrati

La Taiwan National Communications Commission ha scoperto strumenti di censura integrati nello smartphone Xiaomi Mi 10T.

Ciò che è noto

Alla fine del terzo trimestre del 2021, il Ministero della Difesa lituano ha consigliato agli utenti di smettere di usare gli smartphone cinesi e ha citato i modelli Xiaomi come esempio. I motivi erano diversi: censura, sorveglianza e raccolta di dati riservati.

Quindi Xiaomi ha affermato che dagli smartphone nel mercato globale manca il censore integrato che blocca alcune delle query di ricerca. Gli specialisti della Commissione nazionale per le comunicazioni di Taiwan non sono d'accordo con questa affermazione.

Secondo loro, il software MiAdBlacklisConfigur può essere installato sul modello Xiaomi da globalapi.ad.xiaomi.com. L'applicazione censura le query di ricerca e non fornisce collegamenti a siti che non piacciono alla Cina. In particolare vengono bloccate le richieste con le parole “Libero Tibet” e “Indipendenza Taiwan”.

Xiaomi ha già reagito alla dichiarazione del regolatore taiwanese. Il produttore ha affermato che non ha mai limitato e non ha in programma di limitare, bloccare o raccogliere dati quando gli utenti eseguono ricerche, navigano sul Web o effettuano chiamate. Tuttavia, la società ha sottolineato che MiAdBlacklistConfig è responsabile della gestione della pubblicità a pagamento per le applicazioni e protegge anche gli utenti da contenuti inappropriati, comprese immagini di violenza e pornografia.

Una fonte: Tempi di Taipei