Lockheed Martin si è aggiudicata un finanziamento di quasi 1 miliardo di dollari per sviluppare il veicolo di rientro MK21A per il missile balistico intercontinentale LGM-35A Sentinel.

Di: Maksim Panasovskyi | 31.10.2023, 23:59
Lockheed Martin si è aggiudicata un finanziamento di quasi 1 miliardo di dollari per sviluppare il veicolo di rientro MK21A per il missile balistico intercontinentale LGM-35A Sentinel.

Lockheed Martin ha ricevuto un finanziamento per sviluppare un veicolo di rientro per il missile balistico intercontinentale LGM-35A Sentinel. Lo ha reso noto il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Ecco cosa sappiamo

Il Pentagono sta sviluppando il programma Sentinel, che sostituirà il Minuteman III. Il costo del progetto sarà di quasi 100 miliardi di dollari. L'LGM-35A entrerà a far parte della triade nucleare americana e sarà in grado di consegnare testate nucleari in qualsiasi punto del mondo, fornendo un'efficace deterrenza.

Lockheed Martin ha ricevuto 996 milioni di dollari per sviluppare il modulo di combattimento. Si chiama MK21A. L'azienda ha dichiarato di essere orgogliosa di collaborare con l'aeronautica statunitense per modernizzare le capacità di deterrenza strategica.

L'impiego dei missili balistici intercontinentali LGM-35A Sentinel è previsto entro la fine di questo decennio. Il raggio di lancio sarà di oltre 10.000 chilometri. Il veicolo di rientro MK21A porterà una testata nucleare W87-1 modernizzata.

Gli Stati Uniti stanno attivamente modernizzando altri componenti della triade nucleare. In particolare, il bombardiere strategico B-21 Raider effettuerà il suo primo volo entro la fine del 2023. Il Pentagono ha inoltre recentemente annunciato i piani per lo sviluppo di una bomba nucleare a caduta libera B61-13, che sarà più potente della B61-12.

Inoltre, le autorità stanno investendo nella costruzione di sottomarini a propulsione nucleare di classe Columbia con missili balistici intercontinentali Trident II (D5). La Marina statunitense vuole costruire 12 sottomarini. Entro la fine del programma, il ciclo di costruzione e collaudo sarà ridotto dagli attuali 84 mesi a 70 mesi.

Fonte: Pentagono