Il destino del mercato delle criptovalute è in discussione: sempre più paesi vietano il mining di Bitcoin a causa di problemi con l'elettricità

Di: Maksim Panasovskyi | 13.01.2022, 16:02
Il destino del mercato delle criptovalute è in discussione: sempre più paesi vietano il mining di Bitcoin a causa di problemi con l'elettricità

La criptovaluta sta attraversando tempi difficili. Questo vale sia per Bitcoin che per altri token. Il 2022 è iniziato con calo drastico tasso di cambio di tutte le monete sullo sfondo degli eventi in Kazakistan e azioni della Federal Reserve statunitense. Alcuni paesi hanno iniziato a vietare il mining di criptovalute a causa di un forte aumento del consumo di elettricità.

Nel 2021, la Cina ha completamente vietato l'estrazione di monete digitali, in relazione alla quale i minatori sono andati in altri paesi. In particolare, in Georgia, Kosovo, Iran, alcuni paesi dell'UE e il già citato Kazakistan. Ma anche lì hanno avuto problemi.

L'estrazione di criptovaluta ha portato a blackout, che le autorità locali hanno deciso fermamente di combattere. Ad esempio, il governo del Kosovo, dove i cercatori di monete digitali erano guidati da tariffe elettriche basse, ha deciso di non aumentare i prezzi per i minatori. Ciò è dovuto al fatto che la stragrande maggioranza utilizza collegamenti illegali e non paga l'elettricità. A questo proposito, le autorità hanno semplicemente vietato l'estrazione di criptovalute nel paese dal 31 dicembre 2021.

L'Iran ha temporaneamente vietato l'estrazione di criptovalute nell'estate del 2021 a causa del sovraccarico delle centrali elettriche. Fino alla fine del mese scorso nella capitale era in vigore una moratoria di 4 mesi sul mining di BTC, ma poi le autorità hanno introdotto nuove restrizioni.

Anche l'Islanda ha cominciato a soffrire di interruzioni di corrente, nonostante l'energia geotermica a basso costo. Ciò è dovuto al fatto che i minatori hanno grandi concorrenti di fronte ai data center e ai produttori di alluminio. Per questo motivo, dal 7 dicembre dello scorso anno, l'Islanda non fornisce elettricità alle nuove società minerarie.

L'attività mineraria è stata vietata in Abkhazia, dove il consumo di elettricità è aumentato del 20% nel 2020. Più di 600 fattorie minerarie operavano in una regione con una popolazione di 250.000 persone. La polizia ha quasi fatto irruzione nelle case delle persone, perché. molti residenti della regione estraggono criptovaluta direttamente in cucina.

Nel prossimo futuro, la Svezia potrebbe vietare l'estrazione di valute digitali. Le autorità del paese hanno inviato lettere corrispondenti alle autorità di regolamentazione. Inoltre, gli svedesi vogliono ottenere il divieto di mining di criptovalute in tutti i paesi dell'Unione Europea.

Infine, il destino del mining è in discussione anche negli Stati Uniti. Finora non ci sono stati divieti, ma le reti elettriche in Texas e Kentucky hanno già dimostrato la loro incapacità di fornire energia a tutti durante i picchi di carico.

Una fonte: Fortuna