Scandalo! Il video di Bucha dimostra che l'azienda francese Thales ha fornito alla Russia le termocamere Catherine FC per il BMD-4M

Di: Anry Sergeev | 22.04.2022, 19:52
Scandalo! Il video di Bucha dimostra che l'azienda francese Thales ha fornito alla Russia le termocamere Catherine FC per il BMD-4M

Pavel Kashchuk, conosciuto come fondatore del progetto infocar.ua  e ospite dell'omonimo Canale Youtube  postato su di esso un video girato dopo il rilascio di Bucha da razzista occupanti. Dimostra non solo tracce di crimini di guerra con uccisioni di civili, ma anche attrezzature abbandonate dalle truppe in ritirata, in cui sono state ritrovate termocamere di fabbricazione francese, fornite dall'azienda Gruppo Talete  dopo l'imposizione di sanzioni contro la Russia.

Il video inizia con una dimostrazione di un cimitero di veicoli civili portati in un luogo a Bucha. Pavel richiama l'attenzione sui fori del cannone da 30 mm nella portiera della Renault Sandero (in Europa l'auto è venduta come Dacia Sandero) e sulla loro precisione, nonostante i colpi siano stati sparati da una lunga distanza.

Questa pistola da 30 mm è montata BMD-4M  (veicolo da combattimento aereo), entrato in servizio con l'esercito russo nel 2016 (cioè dopo l'introduzione di sanzioni che vietano la fornitura di attrezzature a duplice uso alla Russia). Uno di questi BMD-4M è stato abbandonato dalle truppe russe in ritirata a Bucha:

La modernizzazione del BMD-4M consiste proprio nell'installazione di apparecchiature per il cannoniere, incluso un mirino stabilizzato su due piani, dotato di canali di imaging termico e telemetro. È questa attrezzatura che consente al veicolo di condurre un fuoco mirato in qualsiasi momento della giornata con qualsiasi tempo.

L'equipaggiamento rimosso dal BMD-4M indica una violazione da parte di Thales Group del divieto di fornitura di equipaggiamento a duplice uso (cioè che può essere utilizzato per scopi militari).

Il logo Thales è indicato sull'equipaggiamento del veicolo da combattimento aviotrasportato smontato

In particolare, viene utilizzata una termocamera, che consente al tiratore di vedere il bersaglio al buio, Catherine FC prodotto da questa azienda. “Si presume sia assemblato in una fabbrica russa a Vologda. Cioè, secondo i disegni francesi di componenti acquistati dai francesi", afferma Kashchuk nel video. "E questo è solo uno degli schemi che consentono alle compagnie occidentali di aggirare l'embargo e continuare a fornire all'esercito del male russo le più moderne tecnologie militari".

Secondo le specifiche, la termocamera Catherine FC (attenzione alla data di produzione - giugno 2016) consente di creare un'immagine con una risoluzione di 768x576 pixel e lavora a una distanza fino a 2,5 chilometri. Il modulo stesso pesa meno di 3 chilogrammi con dimensioni di 258x172x100 mm e ha una certificazione di standard militare MIL STD 810.

A proposito di Thales Group

Il Gruppo Thales (pronunciato "Racconti") ripercorre la sua storia dal 1892 ed è stato chiamato Thomson-CSF fino al 2010 e prende il nome dall'antico filosofo greco Talete di Mileto. La sua sede si trova nella periferia di Parigi Neuilly-sur-Seine vicino a Parigi. Impiega circa 68.000 persone in più di 50 paesi in tutto il mondo. Nel 2011 il fatturato dell'azienda è stato di 13 miliardi di euro. La rivista Fortune l'ha inserita nell'elenco delle 500 maggiori aziende mondiali, collocandola al 475° posto. Thales Group è classificata all'11° posto al mondo tra le aziende coinvolte nella fornitura di equipaggiamenti militari. Da dicembre 2014 Thales Group è guidato da Patrice Kane (Patrice Caino ), che è anche nei consigli di amministrazione di Naval Group (dal 2015) e L'Oréal (dal 2018) e ha premi: una medaglia di bronzo della difesa nazionale e l'Ordine al merito, ed è anche un cavaliere della Legion of Onore.

Il fatto che il 27,1% delle azioni della società sia di proprietà del governo francese getta un'ombra sull'intero Paese, che sembra uno sponsor del terrorismo, sostenendo l'aggressione militare russa contro l'Ucraina. 

Per chi vuole saperne di più