Come collegare un giradischi in vinile a un sistema di altoparlanti

Di: Yuriy Stanislavskiy | 22.11.2021, 21:53
Come collegare un giradischi in vinile a un sistema di altoparlanti

Per far suonare bene la musica da un disco in vinile, spesso non basta collegare il giradischi a un amplificatore. Si tratta di un processo chiamato fono-correzione. In , il nostro precedente articolo sulla scelta di un lettore di dischi in vinile, abbiamo trattato in dettaglio la questione di "cos'è la correzione fono". In questo articolo, parleremo di cosa sono gli stadi fono, come scegliere lo stadio fono giusto e come funzionano con diversi tipi di aghi, amplificatori e diffusori.

In ogni caso, hai bisogno di uno stadio fono per collegare il tuo giradischi al tuo sistema di altoparlanti. Che si tratti di uno stadio fono esterno, o incorporato in un amplificatore o direttamente in un diffusore, dipende da voi. Il nostro obiettivo è quello di mostrarvi tutti i modi possibili di collegare il giradischi al sistema di altoparlanti e di discutere i pro e i contro di ogni connessione.

Miglior stadio phono esterno

Migliori ricevitori con stadio phono incorporato

Migliori altoparlanti attivi con stadio phono incorporato

(se non hai mai ordinato da Amazon, abbiamo istruzioni dettagliate come fare, anche se non conosci l'inglese)

Un po' di teoria

Si crede che lo stadio phono sia lo stesso del preamplificatore. Quindi il suo compito è quello di amplificare il debole segnale elettrico proveniente dalla testina a un livello percepibile dall'altoparlante. Non è del tutto corretto. La preamplificazione è solo una delle proprietà di uno stadio fono.

La tecnologia di registrazione del vinile abbassa sensibilmente la gamma delle basse frequenze di un disco e aumenta altrettanto sensibilmente la gamma delle alte frequenze. Perché questo è il caso?

È perché la potenza nelle alte frequenze del disco è significativamente inferiore al resto della gamma, quindi il rumore dal materiale usato per fare i dischi (il vinile stesso) può influenzare la qualità della riproduzione. Per evitare che questo accada, le informazioni ad alta frequenza nelle tracce di vinile sono amplificate il più possibile.

Per quanto riguarda le vibrazioni a bassa frequenza, al contrario, vengono "smussate" in modo che la puntina non salti oltre il bordo della traccia. Di conseguenza, la mancanza di basse frequenze sul vinile deve essere compensata durante la riproduzione.

Tipi di aghi

Nei giradischi moderni si usano due tipi di testine:

  • con un magnete mobile (MM heads - "Moving Magnet");
  • con una bobina mobile (MC heads - "Moving Coil").

Il livello di uscita è di circa 5mV per le testine MM e solo 0,5mV per le testine MC. Al contrario, l'ingresso di un amplificatore richiede tra 200 e 1.000 mV, o tra 40 e 2.000 volte tanto.

Inoltre, le cartucce possono differire per resistenza, capacità e altri parametri che devono essere presi in considerazione.

A cosa servono gli stadi fono

Nel 1953, la Recording Industry Association of America (RIAA) ha standardizzato per la prima volta le caratteristiche di ampiezza e frequenza della registrazione e riproduzione dei dischi grammofoni. All'epoca, è stata considerata una gamma di frequenza da 30 Hz a 15 kHz. Con il tempo, la tecnologia ha reso possibile estendere questa gamma, così 25 anni dopo è stato sviluppato lo standard RIAA-78, che è ancora in uso oggi. Continua ad essere chiamato lo standard RIAA per abbreviare.

È lo standard con cui i controlli degli stadi fono sono progettati per far corrispondere la risposta in frequenza e il livello di registrazione dei dischi in vinile ai requisiti del segnale d'ingresso degli altoparlanti. Gli stadi fono si presentano in forma versatile, adatti all'uso con testine MM e MC, e anche progettati su misura per ogni tipo di testina.

gli stadi fono possono anche essere dispositivi separati, conosciuti come stadi "esterni", così come unità integrate. Possono essere integrati nel giradischi stesso, nell'amplificatore o anche direttamente negli altoparlanti attivi che non hanno bisogno di un amplificatore.

Ma qualunque sia la vostra scelta, non potete assolutamente fare a meno di uno stadio fono nel caso di un giradischi in vinile.

Stadio fono incorporato

La maggior parte dei moderni giradischi entry level (ne abbiamo parlato in dettaglio nell'articolo "Scegliere un giradischi in vinile per principianti") sono equipaggiati dai produttori con uno stadio fono commutabile.

Il vantaggio di una tale soluzione integrata è ovviamente che non ci sono costi aggiuntivi. Compri un giradischi, attivi l'interruttore phono/linea e ascolti la musica attraverso il tuo kit di altoparlanti, qualunque esso sia. Naturalmente, lo stadio fono incorporato sarà scelto dal produttore in base al resto del progetto del giradischi: tipo di testina, impedenza, ecc.

Lo svantaggio relativo di questa soluzione è la sua economicità e, di conseguenza, non la più alta (ma perfettamente accettabile) qualità del suono. Si può piuttosto definire "sufficiente", ma lontano dalla perfezione.

Stadio fono esterno

Gli stadi fono esterni hanno di solito l'aspetto di una piccola scatola con un cavo di alimentazione e connessioni di cavi. Finché il produttore dello stadio fono è il produttore del giradischi, questo è più che sufficiente. I requisiti RIAA sono presi in considerazione e un design di plug-in specifico per il modello elimina la necessità di controlli multipli di frequenza e preamplificazione.

I preamplificatori phono di terze parti sono un'altra cosa. Qui, sia la certificazione RIAA che gli aggiornamenti delle testine sono considerazioni importanti quando si sceglie un dispositivo.

I giradischi entry level hanno di default testine MM, ma con il tempo potresti volere di più e passare a una testina di tipo MC. Di conseguenza, se state anche solo pensando di farlo, lo stadio phono dovrebbe considerare di includere entrambe le testine, il che significa essere versatile piuttosto che dedicato. Altrimenti, se passate dalla tecnologia MM a quella MC dovrete cambiare anche lo stadio fono.

L'anello più debole di uno stadio phono è l'alimentazione. L'unità interna può creare interferenze elettromagnetiche dalla rete. Ecco perché molti produttori fanno l'alimentazione dello stadio phono esternamente in modo che possa essere posizionato a distanza. Per i casi più estremi, sono stati inventati stadi fono alimentati da batterie o batterie ricaricabili.

Correttori fono in amplificatori e ricevitori

Se lo stadio fono può essere integrato nel giradischi stesso, può essere integrato in un amplificatore o ricevitore. Non c'è niente di complicato o estremo, è una pratica comune per molti produttori che fanno affidamento sulle loro attrezzature per la riproduzione della musica.

Le raccomandazioni sono simili a quelle per i dispositivi esterni: la certificazione RIAA e l'abbinamento al tipo di testina sono auspicabili. Le prese d'ingresso fono possono essere dotate di un interruttore o marcate MM o MC per rendere chiaro in quale kit d'ingresso si inserisce il vostro giradischi.

Naturalmente, se la tecnologia della testina del giradischi deve essere cambiata nel tempo, un ricevitore o un amplificatore non progettato per tale aggiornamento non ha senso.

Correttori fonici nei diffusori attivi

C'è un'intera classe di cosiddetti diffusori attivi che non hanno bisogno di un amplificatore: essi portano a bordo tutto il necessario per elaborare e amplificare il segnale audio. Spesso questi altoparlanti hanno uno stadio fono universale, così come Bluetooth, ingresso ottico, connettori RCA analogici e anche USB, il che rende facile sbarazzarsi del ricevitore del tutto.

Anche se questo "zoo" di opzioni di connessione di solito evoca associazioni con cianfrusaglie di plastica da AliExpress, stiamo parlando di altoparlanti davvero di alta qualità, che sbloccano perfettamente il potenziale del vinile.

Gli altoparlanti passivi sono necessariamente collegati a un amplificatore o a un ricevitore, poiché sono essenzialmente solo scatole con altoparlanti. Gli altoparlanti passivi non hanno alcuna potenza o alcun mezzo di pre-elaborazione del segnale audio.

A proposito di Bluetooth

Alcuni modelli di lettori di vinile, come il Sony PS-LX310BT o il Pro-Ject Juke Box E, sono dotati di un modulo Bluetooth che permette di trasmettere musica in streaming agli altoparlanti BT o alle cuffie. Ci sono anche altoparlanti attivi con Bluetooth, come abbiamo scritto sopra, o anche ricevitori.

Bisogna essere consapevoli che la presenza del Bluetooth, mentre elimina la necessità di abbinare correttamente il resto dell'attrezzatura al giradischi stesso, nega tutti i vantaggi del vinile come fonte di suono analogico.

Il trasferimento del suono via Bluetooth è limitato ai codec supportati, di cui attualmente non ce ne sono senza un codec lossless. Il lavoro in questa direzione è stato fatto dal produttore di chip BT Qualcomm, ma quando i giocatori e gli altoparlanti che supportano le nuove capacità aptX Lossless saranno disponibili è sconosciuto. Inoltre, il nuovo standard supporterà la massima qualità CD (cioè 16-bit 44.1kHz) e tuttavia solo "in condizioni ideali". Quali siano queste condizioni ideali, Qualcomm non lo dice.

Qual è la linea di fondo?

Tradizionalmente, riassumiamo i principi di base della scelta di un kit di altoparlanti e delle opzioni di connessione per un giradischi in vinile.

Opzioni possibili:

  • giradischi con stadio fono integrato → amplificatore/ricevitore → altoparlanti passivi;
  • giradischi → stadio fono esterno → amplificatore/ricevitore → altoparlanti passivi;
  • giradischi → amplificatore/ricevitore con stadio fono integrato → altoparlanti passivi;
  • giradischi con stadio fono integrato → altoparlanti attivi;
  • giradischi → stadio fono esterno → altoparlanti attivi;
  • giradischi → altoparlanti attivi con stadio fono integrato.

Il più flessibile, naturalmente, è quello di utilizzare lo stadio fono come unità separata. Puoi aggiornare il tuo giradischi al massimo e comprare diffusori di fantasia, colpendo il tuo stesso tetto, ma sostituire lo stadio fono con un modello più avanzato ti permetterà sempre di continuare ad aggiornare il tuo sistema. E decidere su un modello particolare può darti un suono così individuale che non lo otterrai mai con un kit di installazione personalizzato. Ma ricordate, qualsiasi cosa abbiamo scritto qui, la scelta finale è vostra.

Buon ascolto.

Per chi vuole saperne di più:

  • Scegliere un lettore di vinili per principianti
  • Il mercato della musica in vinile è in costante crescita nell'era dei servizi di streaming
  • Il business del vinile: chi e come sta facendo soldi vendendo dischi nell'era della musica digitale