Una donna israeliana di 69 anni fa una fortuna con Bitcoin, ma la banca non può trasferire denaro

Di: Maksim Panasovskyi | 25.11.2021, 15:02
Una donna israeliana di 69 anni fa una fortuna con Bitcoin, ma la banca non può trasferire denaro

Un pensionato israeliano ha acquistato diverse monete Bitcoin nel 2013, spendendo poco più di $ 3000. Otto anni dopo, il valore è aumentato di due ordini di grandezza, ma la banca non consente alla donna di prelevare denaro.

Cosa si sa

Esther Freeman, 69 anni, ha investito $ 3.240 (10.000 shekel) in criptovaluta nel 2013, seguendo i consigli di suo figlio e suo nipote. Ora il suo Bitcoin ha un valore di circa 340.000 dollari, ma la banca israeliana Hapoalim, di cui la donna è cliente da 40 anni, si rifiuta di accettare pagamenti dalla piattaforma di criptovalute.

La banca afferma che Bitcoin è stato acquistato nel 2013 in contanti, la cui origine non può essere confermata. I banchieri affermano che dopo l'acquisto di Bitcoin, la criptovaluta è stata trasferita tra più conti senza specificare il motivo della transazione.

La banca ha osservato che spesso tali operazioni sono effettuate a scopo di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo. La donna israeliana afferma di non aver mai avuto a che fare con questi e ora sta cercando di ottenere i suoi soldi attraverso i tribunali.

Una fonte: CryptoPotato