La crittografia end-to-end è ora disponibile con il servizio di telefonia cloud di Zoom

Di: Michael Korgs | 22.07.2022, 17:03
La crittografia end-to-end è ora disponibile con il servizio di telefonia cloud di Zoom

Zoom utilizza la crittografia end-to-end (E2EE) per rafforzare la privacy e le misure di sicurezza. Il primo servizio a ottenere il supporto E2EE è Zoom Phone, il sistema telefonico cloud dell'azienda. Durante le conversazioni individuali, gli utenti di questo servizio potranno utilizzare E2EE. E2EE garantirà che le chiamate siano sicure generando chiavi crittografiche a cui solo i dispositivi chiamanti e riceventi possono accedere quando è acceso. Potrai sapere se E2EE è abilitato condividendo un codice di sicurezza con la persona con cui stai parlando.

Al momento della pubblicazione, è possibile abilitare E2EE su Zoom Phone solo per le chiamate tra utenti sullo stesso account Zoom aziendale. Dovranno utilizzare l'app desktop o mobile Zoom Phone e deselezionare la registrazione automatica delle chiamate. Prima che i loro clienti possano usarlo nelle conversazioni, i proprietari di account o gli amministratori devono abilitare E2EE tramite un portale web.

E2EE sarà implementato anche nelle breakout room, che sono riunioni più piccole separate dalle riunioni di gruppo. Ogni stanza del gruppo di lavoro avrà la propria chiave di crittografia. I proprietari o gli amministratori degli account devono abilitare nuovamente E2EE per i propri utenti.

Zoom ha iniziato a implementare E2EE per le riunioni nell'ottobre 2020, pochi mesi dopo che l'azienda è decollata in mezzo all'epidemia di COVID-19 ed è emersa una tendenza crescente di chiamate "zoombombing" di ospiti non invitati. Zoom inizialmente intendeva limitare l'E2EE agli account premium, ma ha ceduto dopo le pressioni e lo ha reso disponibile a tutti.

Source: www.engadget.com