Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione

Di: Alex Chub | 18.10.2021, 16:27
Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione

L'ASUS ROG Strix XG43UQ è uno dei migliori monitor di gioco per coloro che cercano principalmente un'opzione di gioco per console di prossima generazione. Supporta 4K@120Hz quando è collegato via HDMI 2.1 ed è quindi ideale per PlayStation 5 e Xbox Series X. Ma l'azienda non ha dimenticato nemmeno i giocatori PC: tramite DisplayPort 1.4 è possibile ottenere un'immagine 4K fino a 144Hz, supportare AMD FreeSync Premium Pro frame rate sync e la compressione del segnale DSC senza perdita di qualità. Il monitor è dotato di una matrice VA di eccellente qualità con una riproduzione dei colori di alta qualità, luminosità massima molto alta, supporto per lo standard Display HDR1000 e tempo di risposta dei pixel di 1ms. Un bel bonus è la qualità molto buona e la potenza del sistema audio integrato, che non è inferiore ai TV della diagonale corrispondente. L'argomento principale contro l'ASUS ROG Strix XG43UQ è il suo prezzo. Non è attualmente in vendita, ma ci si dovrebbe aspettare circa 55.000 UAH. Un'altra cosa da considerare è che la diagonale di 43" potrebbe essere troppo piccola se pensate di usare il monitor in salotto invece che in una TV.

5 motivi per acquistare ASUS ROG Strix XG43UQ:

  • splendida matrice VA da 43" con altissima luminosità e supporto Display HDR1000;
  • refresh rate fino a 144Hz, AMD FreeSync Premium Pro, ELMB e tecnologia Display Stream Compression;
  • abbondanti porte tra cui una coppia di HDMI 2.1 e DisplayPort 1.4;
  • un sacco di modalità di funzionamento, funzioni di gioco extra e telecomando bonus;
  • potenza e qualità del suono impressionanti.

2 motivi per non comprare ASUS ROG Strix XG43UQ:

  • costo molto alto;
  • hai un grande soggiorno e hai bisogno di una diagonale più grande.

Collegamento rapido:

Cosa c'è nella scatola?

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-2

Ci sono un certo numero di accessori nell'enorme scatola oltre all'ASUS ROG Strix XG43UQ stesso. DisplayPort, HDMI, cavi hub USB 3.0, telecomando, retroilluminazione del proiettore rimovibile, cavo di alimentazione, alimentatore, set di adesivi ROG, documentazione (compreso il rapporto di calibrazione di fabbrica) e persino un esagono.

Che aspetto ha l'ASUS ROG Strix XG43UQ?

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-3

L'ASUS ROG Strix XG43UQ sembra più una TV che un monitor. Anche se per gli standard odierni, 43 pollici è un po' piccolo per un televisore. Allo stesso tempo, il monitor non sembra appariscente dal davanti: la cornice di plastica nera non è troppo ampia intorno al perimetro con il logo ROG sul fondo. Il posizionamento del videogiocatore è caratterizzato da una retroilluminazione che proietta il logo ROG sul tavolo sotto il monitor. Ma è commutabile. Inoltre, può essere rimosso del tutto.

Si attacca con una vite alla parte posteriore del monitor, accanto al supporto del supporto e si inserisce nella porta AURA corrispondente. Il supporto stesso è di metallo solido. Ha una forma a cuneo ed è molto grande in modo impressionante, il che non è sorprendente per una dimensione così diagonale. Per una maggiore stabilità e (presumibilmente) per evitare di danneggiare il tavolo, ci sono ulteriori cuscinetti rotondi gommati nella parte inferiore su tre punti di supporto.

L'intero pannello posteriore è fatto di plastica bianca opaca. Proprio il look giusto per una PlayStation 5 o una Xbox Series S. La superficie è punteggiata da un sacco di prese d'aria e coperta da motivi geometrici già familiari da altri modelli ROG. Sul lato destro c'è un grande logo della formazione. Al centro ci sono quattro fori sotto tappi bianchi. Sono per il montaggio a parete del monitor, standard VESA 100x100. Il supporto può essere svitato con la presa esagonale fornita. Nell'angolo in basso a destra c'è una presa per il Kensington Lock.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-16

Il monitor non occupa troppo spazio nella parte posteriore. Ma tenete presente la dimensione della diagonale: non sarebbe molto comodo sedersi davanti a un monitor da 43" alla stessa distanza con cui ci si siederebbe davanti a modelli più piccoli e convenzionali.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-17

Il pannello di controllo del monitor è composto da quattro pulsanti e un joystick a cinque posizioni, come in tutti i modelli da gioco ASUS. Il pannello LCD si trova nell'angolo inferiore sinistro del pannello posteriore del monitor. Per facilitare l'orientamento, il bordo laterale è etichettato.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-18

Tutti i connettori sono posizionati su due aree, una rivolta verso il basso e l'altra di lato. Soluzioni simili sono utilizzate nei televisori. E per un look più estetico c'è una copertura rimovibile che copre i cavi e la piastra inferiore con i connettori.

In basso a destra c'è un piccolo LED bianco che indica il funzionamento del monitor. Accanto, sul pannello frontale, c'è una piccola finestra per captare il segnale IR del telecomando.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-25

ASUS ROG Strix XG43UQ ha una costruzione solida senza colpi, urti o crepe. Per quanto riguarda l'aspetto, è abbastanza versatile. Anche se, soggettivamente, il pannello frontale sarebbe stato più interessante nello stesso colore bianco del retro.

E l'usabilità, le regolazioni e i connettori?

Il pannello laterale con i connettori ospita due porte HDMI 2.0, un hub USB con due porte USB 3.0 (affiancate e una porta per collegarle) e due jack da 3.5mm per le cuffie. Il secondo pannello è rivolto verso il basso e si trova sotto una copertura decorativa. Questo suggerisce che l'accesso a questi connettori non è spesso necessario. Su questo pannello ci sono due HDMI 2.1, una DisplayPort 1.4, un connettore di alimentazione e una porta AURA (in realtà un'antica MiniUSB) per il collegamento della retroilluminazione.

Il supporto non è molto funzionale. Infatti, permette solo di regolare l'angolo di inclinazione del monitor da +10° a -5°.

Il controllo dei pulsanti è implementato come al solito per i monitor ASUS. Il joystick è responsabile della navigazione e della conferma del menu. I pulsanti in basso sono il pulsante di cancellazione (che fa apparire anche le etichette delle funzioni dei pulsanti), la selezione della sorgente, la commutazione della modalità di immagine GameVisual e il pulsante di accensione.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-34

Il menu OSD è diviso in sezioni, con la risoluzione corrente, la frequenza di aggiornamento, la modalità colore, l'attività della retroilluminazione AURA e HDR visualizzate in alto a destra. La prima voce del menu Gaming configura l'overclock della matrice, AMD FreeSync Premium Pro, ELMB - Extreme Low Motion Blur per ridurre il motion blur inserendo una cornice nera (e ELBM Sync). Non può funzionare contemporaneamente a FreeSync Premium e quando è attivato blocca la luminosità. Poi c'è la sezione GamePlus e GameVisual con un sacco di preset, tra cui sRGB, FPS, Racing, MOBA, Cinema e così via. L'ultima voce è ShadowBoost che evidenzia le ombre. Le sezioni successive del menu sono Immagine e Colore, dove si regolano luminosità, contrasto, HDR, gamma, saturazione e temperatura del colore dell'immagine. Poi ci sono Signal Input Selection, Picture-in-Picture se sono collegate più fonti e Backlight Setting dove è possibile selezionare il colore e l'effetto localmente sul monitor o abilitare AURA Sync per sincronizzare la retroilluminazione con altri dispositivi ASUS ROG. La sezione MyFavorite permette di riassegnare le azioni ai pulsanti fisici, che di default sono responsabili della selezione della sorgente e del passaggio alla modalità GameVisual. L'ultima sezione dell'OSD è responsabile delle impostazioni generali tra cui la lingua del menu, il reset, l'impostazione del suono, la modalità di risparmio energetico, l'indicatore di funzionamento e così via.

Tutto questo può essere fatto usando il telecomando incluso, il che suggerisce che non stiamo guardando un normale monitor. E che può essere installato in soggiorno al posto di una TV. Allo stesso tempo, l'OSD viene ingrandito per la visualizzazione da una distanza maggiore quando viene azionato con il telecomando.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-53

Come se la cava l'ASUS ROG Strix XG43UQ con la qualità delle immagini?

L'ASUS ROG Strix XG43UQ ha un pannello VA da 43,4 pollici con una finitura opaca, risoluzione 4K (3840x2160) e retroilluminazione W-LED. Il sito web dice che è una matrice a 10 bit. In effetti, questo è vero solo in parte: 8-bit + FRC. Anche se, andando avanti, vale la pena dire che questo non è affatto un problema. La copertura dei colori è del 90% dello spazio colore DCI-P3. La frequenza di aggiornamento massima è di 144 Hz e il tempo minimo di risposta dei pixel è di 1 ms MPRT (Motion Picture Response Time). La luminosità massima dichiarata è di 750 cd/m² e il valore di picco è di 1000 cd/m². Il monitor è conforme allo standard DisplayHDR 1000. Vale anche la pena menzionare che il monitor supporta lo standard DSC (Display Stream Compression) che permette una qualità di visualizzazione senza perdite con un ritardo minimo tramite DisplayPort. 

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-54

L'immagine dell'ASUS ROG Strix XG43UQ è impressionante. Sia nella luminosità che nella saturazione dei colori. Grazie alla grafica VA, si ottiene un grande contrasto e neri profondi. Gli angoli di visualizzazione sono massimi. Sì, il contrasto scende un po' e appaiono un po' di sfumature giallastre che sono caratteristiche dei VA. Ma è espresso in modo minimo. L'effetto bagliore è quasi assente, e l'uniformità della retroilluminazione è molto buona. Qualsiasi riverbero è probabilmente avvertibile solo in una stanza completamente buia alla massima luminosità. Grazie all'alta luminosità massima, i contenuti HDR appaiono molto belli sul monitor, che si tratti di giochi o film. L'unica cosa che potrebbe confondere è la luminosità minima leggermente più alta - nel buio totale, l'immagine potrebbe sembrare troppo luminosa.

I test sono stati fatti in quattro modalità con il monitor completamente resettato alle impostazioni di fabbrica. Le misurazioni del colorimetro hanno mostrato che in modalità FPS la luminosità era un impressionante 727.104 cd/m² (quasi lo stesso del 750 dichiarato), la luminosità del campo nero era 0.365 cd/m² e il rapporto di contrasto statico era 1992:1. Anche la resa dei colori è buona, con una gamma di colori leggermente più ampia di sRGB, temperature di colore tra 6500 e 7500K e un minimo eccesso di blu.

In modalità RPG/RTS, tutte le figure sono praticamente uguali. Luminosità massima: 727.91 cd/m²:

In modalità Scenery le cifre sono molto simili: la resa dei colori è leggermente peggiore, ma la luminosità massima è circa la stessa: 722.533 cd/m².

In modalità sRGB, la gamma di colori è corrispondentemente molto vicina allo spazio colore sRGB. La cosa interessante è che i modelli ASUS più economici hanno fatto registrare la loro luminosità in questa modalità. L'ASUS ROG Strix XG43UQ può regolarlo, è leggermente inferiore rispetto alle modalità precedenti: 657.967 cd/m². La luminosità in campo nero è di 0,36 cd/m² e il rapporto di contrasto è di 1828:1.

Come si è comportato e che dire della qualità del suono?

Un po' di teoria per cominciare. Il monitor supporta segnale 4K con 120Hz, VRR e bassa latenza quando è collegato tramite HDMI 2.1. Questo è ideale per le attuali console PlayStation 5 e Xbox Series. Sfortunatamente, non ci sono ancora molti di questi giochi. Su PS5 ci sono Destiny 2, Devil May Cry 5 SE, DIRT 5, Borderlands 3, Call of Duty: Black Ops Cold War, Tony Hawk's Pro Skater 1+2, Rainbow Six Siege e Nioh 1 e 2 Remastered. L'azienda non ha dimenticato nemmeno i giocatori PC: è possibile ottenere 4K a frame rate fino a 144Hz tramite DisplayPort 1.4 e c'è il supporto per la variante più avanzata di AMD per la sincronizzazione dei frame rate, FreeSync Premium Pro, che assicura un ritardo minimo quando si emettono contenuti SDR e HDR. Un altro vantaggio di DisplayPort 1.4 è il supporto per la tecnologia Display Stream Compression (DSC) senza perdite. Il basso tempo di risposta dei pixel di 1ms (MPRT) utilizzando la tecnologia di sfocatura di movimento Extreme Low Motion Blur (ELMB) e l'overclock della matrice è un altro grande vantaggio, soprattutto se paragonato ai televisori.

Passando dalla teoria alla pratica, giocare sul monitor è molto comodo, naturalmente, se avete una console moderna o un potente PC da gioco, che "tira" il gioco in 4K con un frame rate decente. In tali circostanze l'immagine è molto chiara, liscia, senza alcuna sfocatura, artefatti o frame tearing. L'unico punto controverso è la diagonale del monitor. Per uno scenario "monitor" questo è molto e siccome non puoi sederti dietro il solito monitor, devi spostarti un po' più lontano. Come opzione di montaggio nel soggiorno - può sembrare un po' piccolo, specialmente se la stanza è grande e si vuole sedere con gli amici e giocare a Mortal Kombat.

Recensione ASUS ROG Strix XG43UQ: il miglior monitor per le console di gioco di prossima generazione-95

Di solito non c'è molto da dire sul suono nei monitor. Gli altoparlanti sono mancanti o "per spettacolo" 2x2W. In questo caso, invece, è installato un impianto stereo con altoparlanti da 10W che produce un suono molto decente sia in volume che in qualità. Alla pari con i televisori di dimensioni comparabili. Sì, per gli amanti della musica non sarà sufficiente per godersi la musica. Ma per i giochi e i film è più che sufficiente.

Linea di fondo. Tre cose da sapere sull'ASUS ROG Strix XG43UQ:

  • L'ASUS ROG Strix XG43UQ è uno dei migliori monitor attualmente disponibili per il gioco, sia su PC che sulle console di ultima generazione.
  • dispone di tutte le porte moderne: 2xHDMI 2.1, 2xHDMI 2.0, DisplayPort 1.4, 2 jack audio per cuffie da 3.5mm e un hub USB.
  • Il monitor supporta 4K, 120Hz con VRR e bassa latenza quando è collegato tramite HDMI 2.1 così come 4K, 144Hz con AMD FreeSync Premium Pro tramite DisplayPort 1.4.
ASUS ROG Strix XG43UQ Specifiche
Diagonale 43"
Tipo di matrice VA
Aspect Ratio 16:9
Risoluzione 3840x2160
Contrasto 4 000:1 (statico), 1 000 000:1 (dinamico)
Angoli di visualizzazione 178 / 178
Display Color 10 bit (8 bit + FRC)
Pixel pitch 0.2451x0.2451 mm
Tempo di risposta 1 ms MPRT (Motion Picture Response Time)
Luminosità 750 cd/m2 (1000 cd/m2 picco), supporto HDR1000
Frequenza massima di aggiornamento 144 Hz
Copertura antiriflesso
Connettori e porte DisplayPort 1.4, 2xHDMI 2.0, 2xHDMI 2.1, 3.5mm audio, 2xUSB 3.0 (e segnale USB 3.0), Kensington Lock
Montaggio a parete VESA 100x100
Altoparlanti integrati 2x10W
Dimensioni (con supporto) 974.58x631.31x301.5 mm
Peso (con supporto) 15.3 kg


Per chi vuole saperne di più:

  • Philips Brilliance 499P9H recensione: monitor avionico da 49 pollici
  • AOC CQ32G1 recensione: monitor da gioco curvo da 32 pollici con 144Hz
  • Acer Predator X27 recensione: Il monitor dei sogni di un giocatore
  • Recensione di ASUS ROG Swift PG258Q: un monitor da gioco a 240Hz per gli hardcore gamers
  • Recensione di ASUS ROG Strix XG32VQ: un monitor da gioco da 32 pollici curvo a 144Hz