Più business e meno rumore: Recensione delle cuffie Ugreen HiTune X6 TWS

Di: Nickolay Polovinkin | 09.12.2022, 12:12

Più business e meno rumore. Questo è più o meno il modo in cui possiamo caratterizzare il modello Ugreen HiTune X6. Abbiamo già visto il modello precedente X5 (qui la sua recensione), dove la nostra attenzione è stata attratta da una forma interessante e dalla disponibilità del codec aptX. Nel sesto modello è assente, ma è presente la cancellazione attiva del rumore. Sei microfoni, aspetto commerciale, buon design. E un prezzo relativamente abbordabile (il prezzo di vendita consigliato è di 50 €, ma in commercio se ne trovano anche di più economici). È difficile classificare Ugreen come un marchio audio specializzato, ma produce buoni "materiali di consumo", quindi se vi piace questa forma, potete tranquillamente guardare in direzione dell'HiTune X6. Come al solito, ci sono piccole cose importanti, ve ne parlerò più avanti.

Basso succoso
Ugreen HiTune X6 TWS Ugreen HiTune X6 TWS
Cuffie TWS con cancellazione attiva del rumore ibrida
Cuffie TWS economiche con cancellazione attiva del rumore ibrida (ma senza modalità trasparenza). Sembrano rigorosi, si distinguono per una forma insolita, hanno una modalità di gioco con ritardi sonori minimi e un avanzato sistema di controllo touch. ACP non funziona in modo efficiente come vorremmo e non c'è abbastanza supporto aptX, ma gli amanti dei bassi ricchi apprezzeranno il suono.
Leggi le recensioni dei clienti verificate

3 motivi per acquistare Ugreen HiTune X6:

  • Sistema ibrido di cancellazione attiva del rumore
  • I pulsanti a sfioramento supportano il controllo del volume e una serie di altre funzioni
  • La forma delle cuffie è piuttosto insolita e potrebbe essere particolarmente comoda per voi

3 motivi per non acquistare Ugreen HiTune X6:

  • Le prestazioni ASP sono inferiori a quelle di modelli più avanzati
  • il controllo touch richiede una certa abilità
  • siete abituati a un design di cuffie diverso e non volete cambiarlo

Cosa c'è nella scatola?

Nella confezione ci hanno messo le cuffie in una scatola di ricarica e un cavo di ricarica USB-C, ci sono anche due set di cuscinetti intercambiabili: piccolo e grande. Il terzo, quello centrale, è già installato nelle cuffie. Sono presenti un manuale stampato e una guida alla sicurezza. È comodo che sul coperchio di cartone della scatola ci sia un promemoria su come utilizzare le cuffie. Non è necessario scavare nel manuale per capire tutti i rubinetti, ve ne parlerò in dettaglio in seguito.

Più business e meno rumore: Recensione delle cuffie Ugreen HiTune X6 TWS

Che aspetto hanno?

Le Ugreen HiTune X6 hanno la stessa forma delle X5. Non si inseriscono completamente negli auricolari, ma non hanno nemmeno "gambe" sporgenti separate. Non posso dire se questo sia un bene o un male, è più una questione di preferenze personali.

Più business e meno rumore: Recensione delle cuffie Ugreen HiTune X6 TWS-2

Ogni auricolare ha tre fori per il microfono. Il microfono per la conversazione in basso, il microfono ANC esterno in alto e il microfono ANC interno più vicino al cuscino. Questi ultimi due vengono utilizzati per analizzare i suoni ambientali e ciò che l'utente sente. I contatti per la ricarica sono situati vicino al microfono per la conversazione, e vicino ad essi c'è un marchio R o L, rispettivamente sugli auricolari destro e sinistro.

Le cuffie stesse, come la scatola di ricarica, sono nere e grigie. La superficie esterna grigia è opaca e nasconde il pulsante a sfioramento sottostante. Il resto della custodia è in plastica nera lucida. Inoltre, non si nota il LED blu, che è nascosto nella parte superiore di ogni cuffia. Lampeggia solo al momento della connessione e apparentemente non viene utilizzato per altro.

Più business e meno rumore: Recensione delle cuffie Ugreen HiTune X6 TWS-7

D'altra parte, la scatola di ricarica è completamente opaca all'esterno, mentre solo gli alloggiamenti delle cuffie e il logo Ugreen sul coperchio superiore sono ricoperti di lucido. A differenza dell'HiTune X5, la porta di ricarica non si trova sul fondo, ma sul lato posteriore del box di ricarica, in modo da poterlo caricare "in piedi". È presente anche un pulsante rotondo per attivare la modalità di connessione. Sul pannello frontale è presente un LED di stato che ricorda una faccina sorridente. In generale, la rigorosa combinazione di colori nero e grigio suggerisce un'applicazione aziendale e "professionale". Ma fino alla vera "classe business" nella parte tattile è un po' carente: il coperchio della scatola di ricarica ha un piccolo contraccolpo.

Come si collega e si configura?

L'HiTune X6 utilizza un meccanismo di connessione Bluetooth standard. Quando si apre la scatola di ricarica, le cuffie sono pronte per la connessione attraverso l'elenco dei dispositivi disponibili sullo smartphone o su un'altra sorgente audio. In alternativa, premendo un pulsante sul retro si attiva forzatamente la modalità "pairing". Non è richiesto alcun software aggiuntivo. Tuttavia, non ne esiste alcuno.

Come si controllano?

C'è un promemoria separato sul controllo dell'HiTune X6, collocato nel posto più in vista all'interno della scatola. È intelligente come nel già noto X5, ma c'è un gesto in più che è responsabile dell'attivazione della riduzione del rumore. L'ACS si attiva o disattiva con un tocco prolungato (ma non lunghissimo, circa un secondo) di una delle due cuffie. Un tocco ancora più lungo (già due secondi) attiva l'assistente vocale dello smartphone. Con lo stesso gesto si può rifiutare una chiamata in arrivo, è comodo. E per rispondere basta toccare una volta uno dei due auricolari.

Il doppio tocco sugli auricolari destro e sinistro serve rispettivamente a diminuire e aumentare il volume. Con un triplo tocco sullo stesso principio è possibile passare al brano precedente e successivo. Esiste anche il quadruplo tap. Può essere eseguito su una qualsiasi delle cuffie e attiva e disattiva la modalità di gioco con un ritardo ridotto.

Padroneggiare questo sistema di gesti è più facile di quanto possa sembrare a prima vista. L'aspetto più controverso è il gesto one-touch. Da un lato è molto comodo, ma dall'altro è pieno di falsi positivi quando si cerca di correggere l'auricolare. Anche in questo caso, si tratta di una questione di abitudine: chi è più comodo? Non c'è un sensore di posizione nell'orecchio e la pausa non si attiva automaticamente quando si toglie l'auricolare.

Come funzionano?

Nel complesso, niente di strano, ma ci sono punti che meritano attenzione. L'intricato sistema di controllo è completato da indicazioni vocali che aiutano a capire meglio cosa sta succedendo. Le cuffie dicono "Power On" quando sono accese e "Bluetooth Connected" quando sono collegate a una sorgente di segnale wireless. L'attivazione o la disattivazione della cancellazione attiva del rumore sono accompagnate rispettivamente dai messaggi "ANC On" e "ANC Off".

Sulla cancellazione del rumore dobbiamo fare un discorso a parte. Nonostante il prezzo basso del dispositivo, è davvero presente e sono presenti i microfoni separati di cui sopra. Poiché i microfoni sono posizionati sia all'interno che all'esterno delle cuffie, il sistema di soppressione del rumore viene definito "ibrido" e dovrebbe garantire una maggiore efficienza. In pratica, però, la stima di 35-40 dB di compensazione del rumore mi è sembrata un po' eccessiva. In realtà, l'effetto del sistema ACP è certamente presente, ma è sensibilmente inferiore a quello delle cuffie di fascia di prezzo superiore. Se avete bisogno di un vero "noisekiller", non aspettatevi di accontentarvi di 40 dollari. Ma per il resto il noisekiller funziona, è meglio con esso che senza, ed era davvero carente nelle HiTune X5.

Più business e meno rumore: Recensione delle cuffie Ugreen HiTune X6 TWS-16

E la durata della batteria?

Una volta tolte dalla scatola, le cuffie possono durare fino a sei ore. La ricarica dalla batteria installata nella confezione può estendere l'autonomia a 26 ore. Non è possibile valutare il livello di carica della scatola stessa, il produttore ha abbandonato l'indicatore a tre fasi precedentemente utilizzato. In questo modello, è stato sostituito da un LED a forma di "faccina sorridente" che inizia a illuminarsi di rosso quando è il momento di caricare il box e pulsa di bianco quando le cuffie installate nel box sono in fase di ricarica. La ricarica completa del box richiede circa due ore. Utilizza la moderna interfaccia USB-C, ma non ci è ancora stata offerta la ricarica wireless a un prezzo simile.

Come suonano?

Per quanto riguarda il suono, le cuffie di questo tipo sono dotate di driver da 10 mm. Sia in termini di fascia di prezzo che di classe (cuffie economiche con ACP), l'HiTune X6 è molto simile all'HiTune T3, più ovvio è un confronto sonoro diretto tra i due modelli. E qui l'X6 è inequivocabilmente più brillante. I medi non sono altrettanto espressivi, ma i bassi, così come gli alti, suonano più succosi ed emozionali. Tenendo conto che si tratta di un modello per l'uso domestico quotidiano, è piuttosto interessante. La modalità di gioco con ritardo ridotto (quella che si attiva con un quadruplo tocco) riduce sensibilmente la qualità del suono, ma in qualche modo non influisce radicalmente sui ritardi. Questo probabilmente perché i ritardi non sono percepibili in generale. Forse in alcuni scenari di gioco difficili potreste riscontrarli, e allora questa modalità vi aiuterà.

Quanto sono utili?

Sapete come controllare la vestibilità delle cuffie TWS? Provate a fare una telefonata divertente con loro, almeno per 15 minuti. Sì, proprio divertente: bisogna parlare molto, sorridere e ridere. Queste espressioni facciali caratteristiche e i corrispondenti movimenti dei muscoli e della pelle possono provocare lo spostamento delle cuffie, dopo di che è necessario correggerle. Le orecchie di ognuno sono diverse, quindi alcuni modelli (anche con cuscinetti di dimensioni diverse) possono essere più o meno adatti. Valuterei il comfort di utilizzo delle HiTune X6 come "superiore alla media". Le cuffie sono leggere e si adattano bene alle orecchie. Tuttavia, la loro forma richiede un po' di tempo per abituarsi se si è già utilizzato un paio di cuffie dal design diverso.

Più business e meno rumore: Recensione delle cuffie Ugreen HiTune X6 TWS-17


Cuffie Ugreen HiTune X6 TWS Cuffie Ugreen HiTune X6 TWS
  • Sistema ibrido di cancellazione attiva del rumore
  • I pulsanti a sfioramento supportano il controllo del volume e una serie di altre funzioni
  • La forma delle cuffie è piuttosto insolita e potrebbe essere particolarmente comoda per te personalmente
Controlla il prezzo

In conclusione.

Se le Ugreen HiTune X5 presentavano il codec Apt-X, ma mancavano di cancellazione del rumore, il modello X6 è l'opposto. La cancellazione del rumore è presente, ma non l'Apt-X. Inoltre, la stessa riduzione del rumore è inferiore in termini di efficienza rispetto ai modelli più avanzati e per qualche motivo non dispone di una modalità di trasparenza, prevista anche nel modello junior HiTune T3 (qui la loro recensione). Ma il design e la forma dell'X6 possono essere un importante argomento a loro favore.

Tre cose da sapere sulle Ugreen HiTune X6:

  • sono cuffie TWS dal prezzo accessibile e dalla forma interessante, con un design aziendale rigoroso.
  • hanno una modalità di cancellazione attiva del rumore, ma la sua efficienza è inferiore ai modelli più costosi
  • sono presenti molti tipi di pulsanti a sfioramento per controllare la riproduzione e le funzioni delle cuffie
Specifiche delle cuffie Ugreen HiTune X6 (WS118)
Tipo TWS, vuoto (nel canale)
Cancellazione attiva del rumore Sistema ibrido senza modalità trasparenza
Diametro del driver 10 mm
Versione Bluetooth 5.1
Codec SBC, AAC
Profili supportati HSP, HFP, AVRCP, A2DP
Tempo di riproduzione Fino a 6 o fino a 26 ore (con o senza ricarica del box)
Tempo di ricarica della cuffia/box 1,5 ore / 2 ore

Approfondisci:


X
Ugreen HiTune X6
TWS Cuffie con annullamento del rumore attivo ibrido