Recensione AirPods 3: l'anello mancante nell'evoluzione delle cuffie Apple

Di: Yuriy Stanislavskiy | 26.11.2021, 16:00
Recensione AirPods 3: l'anello mancante nell'evoluzione delle cuffie Apple

L'autore di queste righe stava aspettando qualcosa del genere da molto tempo: cuffie a un prezzo accessibile con la consueta funzionalità di "semplici" AirPods e "bonus" sotto forma delle capacità dei modelli Pro e Max più costosi. Apparentemente, l'azienda è riuscita abbastanza nei suoi piani, sebbene sia impossibile chiamare AirPods 3 eredi diretti di AirPods 2: nonostante l'origine e la somiglianza del design, ci sono dettagli insoliti che influenzano l'esperienza quotidiana.

3 motivi per acquistare AirPods 3:

  • maggiore durata della batteria rispetto anche agli AirPods Pro;
  • migliore idrorepellenza: gli AirPods 3 non temono nemmeno un'abbondante sudorazione o pioggia;
  • supporto per l'audio spaziale.

3 motivi per non acquistare AirPods 3:

  • mancanza di cancellazione attiva del rumore (ANC);
  • hai solo le cuffie in-ear nelle orecchie;
  • hai problemi di udito e hai bisogno di Conversation Boost. 

Più recentemente Apple presentata la prossima generazione delle sue cuffie più popolari: AirPods. Tra gli aggiornamenti annunciati, l'azienda ha indicato un nuovo altoparlante, fino a 30 ore di durata della batteria e il supporto per i caricabatterie MagSafe. Dai loro fratelli maggiori, AirPods Max, i nuovi auricolari hanno un equalizzatore adattivo che ottimizza l'uscita del suono e l'altoparlante più grande e gli aggiornamenti della forma possono, secondo il produttore, "inviare il suono direttamente al condotto uditivo".

Cosa c'è nell'ambita scatola?

Tutto è standard per l'azienda Apple, sebbene non sia pienamente conforme ai precetti di Jobs: la prima cosa che un cliente vedrà aprendo il coperchio non sono le cuffie stesse, ma una busta quadrata con la documentazione, sotto la quale puoi già trovare il custodia con le cuffie stesse. In passato, Apple ha aderito al principio secondo cui la prima cosa che un cliente vede quando apre una scatola è un oggetto del desiderio appena acquistato.

La custodia con le cuffie ha le stesse dimensioni di quella degli AirPods 2, solo che si apre, dal punto di vista del proprietario, "di lato". Questo posizionamento delle cuffie all'interno della custodia è facilitato dalle "gambe" accorciate delle cuffie. Sebbene la custodia supporti la ricarica wireless per impostazione predefinita, è incluso anche un cavo da Lightning a USB-C. Per trovarlo, basta tirare la "lingua" di carta con una freccia verde dipinta, che è nascosta sotto la custodia con le cuffie.

Curiosità: se guardi da vicino, noterai che la scatola contiene una foto dei due auricolari destri. È difficile spiegare un tale capriccio dei designer, perché è assolutamente irrealistico trovare una persona con due orecchie destre sul pianeta.

Cosa sorprenderà il caso?

In generale, proseguendo il confronto con la precedente generazione di AirPods, nulla di nuovo, se non per la rotazione condizionale della custodia dalla posizione "ritratto" a quella "orizzontale".La forma dell'auricolare e del jack era quasi perfetta, la nuova generazione delle cuffie sembra stranamente alieno nella custodia.

Tutto il resto è a posto. È presente anche un LED sul pannello frontale, un pulsante di accoppiamento sul retro, il suono familiare di un coperchio che fa clic su un "accendino Zippo". Come al solito, se apri la custodia di fronte a te, il jack per l'auricolare destro sarà a destra e per il sinistro a sinistra. Una cosa carina a cui, stranamente, non tutti i produttori aderiscono.

Ma le cuffie stesse nella custodia ora "guardano" non ai lati, ma l'una verso l'altra. E se hai posseduto due generazioni precedenti di AirPods, mentre infili gli auricolari nei jack, le capacità motorie delle tue dita ti daranno un calcio nel cervello che qualcosa non va. Una sensazione divertente.

AirPods abituali non abituati

La forma delle cuffie non è cambiata, anche se gli auricolari stessi sono diventati un po' più grandi e la gamba è notevolmente più corta. Tuttavia, AirPods 3 non causa alcun disagio quando si indossa, anche per molto tempo - come nel caso di AirPods 2, a volte puoi semplicemente dimenticare il fatto che le cuffie sono inserite nelle orecchie.

Allo stesso tempo, è quasi impossibile far cadere le cuffie dalle orecchie medie. Camminare, correre, saltare (compreso inclinare la testa di lato) non ha in alcun modo influito sulla "perseveranza" di AirPods 3 in diverse persone di età diverse. Naturalmente, può sempre esserci un'eccezione sotto forma di orecchie molto piccole o, al contrario, enormi. Ma per la maggior parte di quegli utenti che organicamente non accettano di avvitare i cuscinetti auricolari in silicone AirPods Pro, mentre sognano di unirsi alle nuove possibilità del "suono Apple", la nuova generazione di AirPods dovrebbe fare al cento per cento.

Una notevole differenza per chi è abituato al sistema personalizzabile di "tapping" sull'auricolare destro o sinistro delle precedenti generazioni di "semplici" AirPods sarà il nuovo sistema di controllo per la pressione dei pulsanti nascosti nelle gambe delle cuffie.
La prima e notevole differenza è che ora non è possibile assegnare azioni diverse a cuffie diverse. Se nel caso delle AirPods 2 era possibile assegnare, ad esempio, una pausa al tap sull'auricolare sinistro, e passare alla traccia successiva al tap sulla destra, ora le azioni con le gambe delle cuffie destra e sinistra sono completamente identico.

I pulsanti sono completamente invisibili, ma il "clic" sotto le dita si sente abbastanza chiaramente. Come al solito, una singola pressione risponderà a una chiamata o metterà in pausa la riproduzione, una doppia pressione passerà alla traccia successiva, una tripla pressione tornerà a quella precedente, ecc. Saprai esattamente come il pulsante situato sul filo insieme all'unità microfono lavori. Ecco la stessa cosa e non fa differenza se si preme questo pulsante sull'auricolare destro o sinistro.

Le cuffie hanno anche eliminato il sensore ottico, che è stato sostituito con un sensore tattile sulla pelle. Secondo Apple, questo ha ridotto a zero la possibilità di accendere accidentalmente le cuffie.

Come suonano i nuovi Airpods

Un vecchio scherzo è amato a Odessa:

- Oh, questo Caruso! Tanto rumore - "un buon cantante, un buon cantante" ... E blatera, e blatera, e non colpisce le note!
- Cosa stai ascoltando Caruso?
- No, Izya mi ha cantato!

L'autore di queste righe si sente menzionato Izya: è un compito ingrato descrivere il suono in lettere per coloro che non lo hanno sentito. Ma ci proveremo, ok?

Se stavi aspettando che AirPods 3 conquisti nuove vette di qualità del suono, invano. Questo è ancora lo stesso "forte mediocre" delle versioni precedenti di questa linea. Lo stereo normale suona come lo stereo in AirPods 2. Se Apple intendesse una differenza notevole nel suono stereo, la persona media con un orecchio non musicale lo percepirebbe come un errore statistico.

Ma! Non dimenticare che gli ingegneri Apple hanno aggiunto il supporto per l'audio spaziale a questo modello o, nel linguaggio del marketing, Spatial Audio. Allo stesso tempo, non è necessario mettere un segno di uguale tra Dolby Atmos e Spatial Audio, poiché un segnale stereo standard può diffondere la tecnologia Apple anche nello spazio. È vero, non da tutte le fonti, ma ne parleremo più avanti.

Che aspetto ha in pratica? Immagina di accendere il televisore, metterti di fronte ad esso e ascoltare il suono che viene riprodotto dagli altoparlanti di questo televisore stesso. Se chiudi gli occhi e fai lentamente un giro completo attorno al tuo asse, saprai esattamente da che parte sta la TV, cioè la fonte del suono, ogni secondo. Certo, se in linea di principio non hai problemi di udito.

Esattamente la stessa cosa accade quando si trasmette l'audio, ad esempio, dal set-top box di Apple TV agli AirPods 3. Le cuffie in testa nel primissimo momento della riproduzione di un film o di un programma TV determinano il canale centrale virtuale da qualche parte di fronte a e tienilo in questo punto nello spazio, non importa come giri la testa.

Inoltre, puoi ripetere lo stesso numero di una TV reale, ruotando di 360 gradi, ma la "TV" virtuale rimarrà al suo posto, come se la sorgente sonora non fosse una cuffia in testa, ma da qualche parte a distanza nella stanza. Credimi, quando le cuffie (che sono direttamente sulla tua testa) disegnano una sorgente sonora nel tuo cervello "pochi metri dietro la schiena", è davvero impressionante.

Funziona non solo con i film, ma anche con la musica. Ma se nei film tale comportamento delle sorgenti sonore virtuali è giustificato, allora con la musica le sensazioni sono ambigue. Sembra interessante girare la testa e ascoltare come i musicisti "rimangono al loro posto" nella stanza, ma in realtà questa autoindulgenza diventa presto noiosa. Soprattutto quando ci si sposta per strada, dove bisogna girare quasi sempre la testa. Fortunatamente, il monitoraggio della testa può essere disattivato tramite il Centro di controllo iOS. Lì puoi anche disattivare del tutto la musica in Dolby Atmos se vuoi goderti il solito suono stereo.

Allo stesso tempo, ciò che è interessante, se il materiale musicale è inizialmente disponibile esclusivamente in stereo, puoi comunque attivare il tracciamento dei giri di testa per esso e girarti verso il canale destro o sinistro. È divertente a modo suo, ma il concetto di "equilibrio" sta andando a rotoli, quindi questo trucco non aggiunge gioia all'ascolto.

Per chiarire cosa possono fare gli AirPods 3 alla fine e cosa no, ecco un piccolo segno:

Musica per iOS MacOS Musica TvOS Musica Video IOS Video MacOS TvOS video
Stereo
Audio spaziale stereo ? ? ?
Dolby Atmos
Audio spaziale Dolby Atmos ? ? ?

Va notato che su Apple TV questo Spatial Audio non funziona ovunque, ma allo stesso tempo in un numero di applicazioni molto maggiore di quanto si possa immaginare. È chiaro che Apple TV+ o Netflix hanno da tempo acquisito il supporto per funzionalità all'avanguardia, ma tracciare la posizione nello spazio in applicazioni multimediali di terze parti come Plex si è rivelata una piacevole sorpresa.

Ma YouTube, The Verge, Reuters, Euronews e altre applicazioni di notizie non possono vantare il supporto di Spatial Audio. Per ottenere lo stesso tracciamento nello spazio per il segnale audio da Apple TV, in linea di principio, è impossibile, anche manualmente: il sistema visualizza semplicemente un messaggio che questa "funzione" è solo per i formati video.

macOS Monterey si è rivelato il sistema "più povero" in termini di indulgenza sonora. Se è disponibile una traccia Dolby Atmos, la ascolterai, ma questo è tutto. Il più "onnivoro" era iOS, dove qualsiasi impostazione audio funziona sia per applicazioni video che audio. Che si tratti di YouTube o dell'app per gli effetti sonori di Noizio, il posizionamento spaziale funziona ovunque.

Cos'altro può fare AirPods 3?

È già diventato uno standard che l'assistente vocale Siri ascolti continuamente il suo proprietario, anche tramite le cuffie Apple. Gli AirPods 3 non fanno eccezione, quindi non sono necessari tocchi, tocchi o altre azioni per attivare Siri, basta pronunciare una frase familiare.

Annuncio di chiamate, lettura ad alta voce dei messaggi in arrivo e così via - disponibile e "a pieno carico". Ma la riduzione del rumore e la "modalità trasparenza" non sono disponibili per questo modello. ma noL'applicazione Trova il mio ora può cercare AirPods 3 per impostazione predefinita, e non solo nel caso, ma anche per ciascuna cuffia separatamente. Questo è un bel bonus per coloro che sono abituati a lasciare le cuffie ovunque.

Per le persone con problemi di udito, AirPods 3 offre tutte le stesse funzionalità della precedente generazione di questa serie: adattamento del suono per disturbi specifici e funzione di ascolto dal vivo. Quest'ultimo permette di utilizzare il proprio iPhone come microfono direzionale, amplificando la voce dell'interlocutore durante il dialogo faccia a faccia.

Ma la nuova funzione Conversation Boost (analoga a Live Listen, solo senza utilizzare l'iPhone come microfono di espansione) non è disponibile per AirPods 3. Se la presenza di Conversation Boost è un punto chiave nella scelta delle cuffie per te, allora dovrai guardare verso AirPods Pro.

Per chi sono gli AirPods 3?

Innanzitutto, ovviamente, per i possessori di iPhone o altra tecnologia Apple. Per tutti gli altri, ad esempio gli amanti di Windows o Android, AirPods 3 non sarà particolarmente diverso dagli auricolari Bluetooth di qualsiasi altro produttore.

Tuttavia, va tenuto presente che gli abbonati ad Apple Music con telefoni Android possono ancora ascoltare l'audio molto spaziale su cui Apple si sta ora concentrando. L'unica domanda è quanti possessori di smartphone Android a bordo sono abbonati ad Apple Music.

Tra gli utenti Apple, le nuove AirPods 3 soddisferanno coloro che, per vari motivi, non vogliono acquistare la versione Pro. Forse, come l'autore di queste righe, non ti piace la sensazione dei cuscinetti auricolari in silicone nelle orecchie. Forse stiamo parlando di banali risparmi. Ma in un modo o nell'altro, se i tuoi vecchi AirPods 2 non hanno più una carica o sono semplicemente usurati dal tempo, o vuoi semplicemente qualcosa di nuovo, i nuovi AirPods 3 sono la tua scelta, senza dubbio.

5 cose da sapere sugli AirPods 3

  • Nonostante il numero 3 nel nome, questa è la quarta generazione di cuffie "piccole" di Apple e la terza in realtà erano AirPods Pro;
  • Tuttavia, in termini di evoluzione delle cuffie di Apple (e prezzi dell'azienda), AirPods 3 si colloca tra AirPods 2 e AirPods Pro;
  • Design delle cuffie: auricolari normali, come AirPods 2, senza cuscinetti auricolari in silicone da avvitare nei condotti uditivi;
  • Da AirPods Pro, i nuovi AirPods 3 ricevono il supporto per il suono surround e il tracciamento della testa;
  • Allo stesso tempo, le funzionalità di AirPods Pro per i non udenti (Conversation Boost) nei nuovi AirPods 3 non sono disponibili, così come la cancellazione attiva del rumore con la modalità "trasparenza".
Specifiche Apple AirPods 3
Tecnologia audio Driver Apple progettato su misura con elevata escursione
Amplificatore dedicato ad alta gamma dinamica
Audio spaziale con tracciamento dinamico della testa
Equalizzatore adattivo
Sensori Microfoni Dual Beam Forming
Microfono puntato verso l'interno
Sensore di rilevamento della pelle
Accelerometro di rilevamento del movimento
Accelerometro a rilevamento vocale
Sensore di forza
Patata fritta Chip per cuffie H1
Resistenza al sudore e all'acqua IPX4
Custodia di ricarica Funziona con caricabatterie MagSafe, caricabatterie certificati Qi o connettore Lightning
Tempo di esecuzione degli AirPods Fino a 6 ore di ascolto con una singola carica (fino a 5 ore con audio spaziale attivo)
Fino a 4 ore di conversazione con una singola carica
Runtime AirPods con custodia di ricarica MagSafe Fino a 30 ore di ascolto
Fino a 20 ore di conversazione
5 minuti in una custodia forniscono circa 1 ora di ascolto o circa 1 ora di conversazione
Connessione Bluetooth 5.0

Per chi vuole saperne di più

  • Recensione AirPods Pro: silenzio bianco
  • Recensione di Apple AirPods
  • Recensione Apple AirTag: white label del feticista
  • I migliori auricolari TWS
  • Samsung Galaxy Buds Pro o Huawei FreeBuds Pro? Confronto tra i migliori auricolari TWS dell'anno